Basket. Trasferta amara per il Roseto che cede 85-76 in casa del Lucca

Non basta un grande Bisconti

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1050

Basket. Trasferta amara per il Roseto che cede 85-76 in casa del Lucca




LUCCA. Prima sconfitta stagionale nella Lega Adecco Silver 2013/2014 per gli uomini di coach Melillo, che non riescono nell'impresa di espugnare il PalaTagliate di Lucca (85-76). I biancazzurri ci provano fino all'ultimo possesso, ma i padroni di casa la spuntano grazie ad un Davide Parente da 24 punti, 6 rimbalzi e 5 assist, ben supportato dai 18 punti di Diego Banti. Dopo essere stata sotto addirittura di 15 punti, la Modus FM trova la forza di tornare sul -3, senza però infliggere il colpo del sorpasso nei confronti dei toscani. Sugli scudi per gli abruzzesi, almeno leggendo il tabellino, Luca Bisconti con 20 punti, Kevin Sowell con 16 e Alex Legion con 15 ("doppia doppia" con 12 rimbalzi). Prova tutto sommato non brillante, quella di Stanic e compagni, che, comunque, si arrendono ad una Lucca più ispirata e abile nello sfruttare le occasioni chiave del match. A proposito di punti cruciali nella sfida odierna, saltano all'occhio i 14 rimbalzi in attacco concessi ai biancorossi, oltre le 13 palle perse nell'arco dei 40', causa dei 19 punti subiti dopo aver perso il possesso (contro i 6 di Roseto). In ogni caso, cuore, grinta e abnegazione non sono venuti mai a mancare tra le fila degli adriatici, sempre minacciosi e pronti a ricucire lo strappo coi padroni di casa, i quali sono fuggiti concretamente ché nei minuti finali. Amareggiati per l'epilogo, i circa 70 tifosi rosetani presenti nel settore ospiti, ma di certo non delusi, alla luce della grinta profusa in campo dagli Sharks.
Alla palla a due, Roseto schiera Stanic, Sowell, Legion, Genovese e Bisconti; risponde Lucca con Parente, Deloach, Conger, Santarossa e Banti. A differenza della gara contro Omegna di sei giorni fa (vinta per 87-79), coach Melillo recupera Lillo Leo, che aveva dato forfait a causa di un problema al ginocchio. A proposito di infortuni, dopo un primo parziale di 7-0 in favore dei ragazzi di coach Russo, Santarossa è costretto ad abbandonare il parquet per un colpo ricevuto al ginocchio, senza più poter rientrare. Dopo la partenza fulminea, Lucca si fa riacciuffare da una Modus FM trascinata da Sowell in attacco (13-11), e le cose, per i locali, peggiorano ulteriormente quando Deloach è costretto ad uscire per problemi fisici (rientrerà nel secondo quarto). Ne approfitta allora Roseto che, malgrado lasci troppi rimbalzi al caso, riesce ad essere costante in attacco, tanto da tornare a contatto a pochi secondi dalla prima sirena: ecco però che Demitrius Conger piazza la tripla allo scadere da distanza siderale (ampiamente dietro la metà campo), facendo ribollire il palazzetto toscano (26-23). Secondo quarto fatale per Stanic e compagni, che tornano in campo spenti e privi di lucidità, tramortiti, per di più, da un Parente più che ispirato, autentico trascinatore dei suoi anche grazie a un paio di triple pirotecniche. Gli Squali vanno sotto di 11 a metà seconda frazione, per rientrare negli spogliatoi con lo stesso distacco (46-35).

In avvio di ripresa, le cose sembrano non migliorare affatto, tanto che Lucca controlla agevolmente il vantaggio, sempre intorno alla doppia cifra (toccando anche i 15 punti di vantaggio). In tutti i modi, coach Melillo opta per la difesa a zona, riuscendo finalmente a tamponare gli attacchi lucchesi, mentre offensivamente Legion e Genovese spingono Roseto fino al -3. La partita si accende improvvisamente, e il settore ospiti colmo di rosetani inizia a crederci per davvero. Leo (buon impatto al rientro dall'infortunio) si divora un paio di buone occasioni per riportare gli ospiti in vantaggio e la terza frazione si chiude sul 55-52. Iniziano gli ultimi e decisivi 10 minuti, ma Lucca sprinta di nuovo con Parente, riportandosi troppo facilmente sopra di qualche possesso, mantenendo le distanze per tutto il corso del mini periodo. Nel finale i biancazzurri provano a rientrare, ma un paio di palloni buttati, oltre un fallo tecnico ravvisato dalla terna arbitrale nei confronti di Leo, fanno si che Roseto venga respinto oltre la doppia cifra di scarto. A nulla valgono i tentativi agli sgoccioli di Bisconti e Leo, in quanto la presenza in area di Banti e una tripla spezza partita di Panzini chiudono definitivamente i giochi. Al PalaTagliate finisce 85-76, con Lucca che aggancia la Modus FM in classifica a quota 2 punti. Prossimo impegno per gli Sharks, ancora in trasferta, in programma domenica 20 ottobre 2013 al PalaFlorio di Bari, quando affronteranno il Cus Bari di coach Raho (e dell'ex Bisconti).

LUCCA-MODUS FM ROSETO SHARKS: 85-76
Lucca: Deloach 11, Panzini 6, Sgobba 2, Valenti 9, Santarossa 2, Motta, Banti 18, Parente 24, Conger 13, Di Giacomo, all. Russo.
Roseto: Sowell 16, Antonini, Legion 15, Stanic 9, Marini, Leo 5, Genovese 11, Bisconti 20, Pomenti, Papa n.e., all. Melillo.
Arbitri: Matteo Boninsegna, Daniele Caruso, Marcello Aprea.
Parziali: 26-23, 20-12, 9-17, 30-24.
Note: Lucca 33/77 al tiro, 8/21 da 3, 11/17 ai liberi, 37 rimbalzi (14 offensivi), 8 assist, 10 palle perse. Roseto32/66 al tiro, 2/18 da 3, 10/15 ai liberi, 37 rimbalzi (8 offensivi), 9 assist, 13 palle perse. Usciti per 5 falli: Deloach (Lucca), Sowell e Stanic (Roseto); fallo tecnico a Leo (Roseto). Spettatori 700 circa (70 da Roseto).