SERIE B

La Virtus Lanciano impatta 1-1 al Biondi con la Ternana e resta imbattuta e capolista

I frentani vanno sotto poi reagiscono alla grande nell'ultima mezz'ora

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1709

La Virtus Lanciano impatta 1-1 al Biondi con la Ternana e resta imbattuta e capolista


LANCIANO. La Virtus Lanciano in rimonta non va oltre l'1-1 interno con la Ternana e mantiene imbattibilità e testa della classifica. Nel primo tempo vantaggio degli ospiti con Antenucci e pareggio nella ripresa di Amenta al 31esimo.
Altra prova convincente, anche se a tratti, dell'undici di Baroni che ha saputo reagire dopo un primo tempo difficile al cospetto di una Ternana ben organizzata e disposta in campo.
Nel primo tempo gara piacevole e Virtus nel vivo del gioco per circa mezz'ora, con diverse buone chance costruite. Poi grande confusione dopo il gol del vantaggio della Ternana, con l'undici umbro molto abile nell'inaridire sul nascere ogni iniziativa rossonera.
Nella ripresa Lanciano volenteroso ma almeno all'inizio con poche idee alla ricerca del pareggio. Gara bloccata fino all'episodio dell'espulsione del ternano Viola, che ha sconvolto gli equilibri nell'ultima mezz'ora, nella quale la Virtus con grandissimo furore ha prima riequilibrato il punteggio e poi sfiorato il raddoppio con un finale aggressivo ed intenso.
Ternana che ha protestato per la direzione di Ostinelli di Como nell'episodio del rigore e del gol del Lanciano, la cui punizione è scaturita 30 secondi dopo un fallo su un giocatore rossoverde. Anche gli abruzzesi hanno recriminato per un calcio di rigore non concesso nel finale sul risultato di 1-1.

LA PARTITA
Virtus Lanciano priva degli squalificati Thiam ed Aquilanti. De Col non in perfette condizioni parte comunque dal primo minuto in difesa al fianco di Amenta, Troest e Mammarella. Turnover corposo a centrocampo con Paghera titolare insieme a Di Cecco e Casarini. Un cambio anche in attacco per Baroni che sceglie dal primo minuto Turchi con Piccolo e Falcinelli.
Nella Ternana mister Toscano si gioca la panchina e sceglie un classico 4-4-2. In attacco largo al tandem Ceravolo-Angelucci. Ad innescarli Nolè e Falletti sulle corsie esterne di centrocampo.
Arbitra Emilio Ostinelli della sezione di Como davanti al pubblico delle grandi occasioni allo stadio Biondi.
Gara subito a ritmi sostenuti e subito buona chance per la Ternana. Al secondo minuto cross di Fazio per Nolè che in precario equilibrio dentro l'area di rigore conclude alto.
Prima risposta del Lanciano al quinto con Piccolo, che da posizione impossibile quasi sulla linea di fondo sceglie il tiro (alto, ndr) preferendolo ad un più comodo suggerimento nel mezzo per un compagno meglio piazzato.
Al nono straripante Piccolo in contropiede e palla nel mezzo per Falcinelli che di un nulla non arriva puntuale alla battuta a rete, con la difesa ternana che si rifugia in angolo. Sugli sviluppi dello stesso palla di Mammarella per De Col che pasticcia da posizione più che privilegiata.
Al diciottesimo imbeccata perfetta in profondità di Turchi per Falcinelli che di prima intenzione sfiora il palo alla destra di Brignoli.
Al 35esimo il vantaggio della Ternana sugli sviluppi di una micidiale ripartenza. Antenucci di piatto destro in piena area di rigore finalizza un preciso tocco nel mezzo di Ceravolo.
Risposta immediata del Lanciano al 37esimo con Paghera che da oltre 25 metri esalta i riflessi di Brignoli in corner.
Finale di frazione nervoso e dopo due minuti di recupero squadre negli spogliatoi sul risultato di 0-1.
Inizio di ripresa soporifero poi al nono minuto cross dalla sinistra di Antenucci per la testa di Nolè che colpisce malamente alto sulla traversa. Un minuto dopo mischia in area della Ternana e difesa ospite che allontana non senza difficoltà.
Al 13esimo ghiotta chance per la Virtus. Cross del solito Mammarella per l'inserimento di Paghera che di testa colpisce soltanto l'esterno della rete.
Al quarto d'ora episodio chiave del match. Per fallo da tergo di Viola su Casarini espulsione diretta per il centrocampista della Ternana. Decisione forse eccessivamente severa di Ostinelli e Lanciano in superiorità numerica per l'ultima mezz'ora di gioco.
Al 21esimo traversone di Mammarella e colpo di testa di Plasmati sul fondo.
Al 28esimo nuova incornata di Plasmati lontana dal bersaglio questa volta su cross di Di Cecco.
Al 32esimo il pareggio della Virtus sugli sviluppi del classico calcio piazzato di Mammarella, che nel mezzo trova la testa del prontissimo Amenta che insacca scatenando la gioia del Biondi.
Lanciano vicino al raddoppio al 37esimo con Falcinelli la cui girata non sorprende l'estremo difensore ospite.
Al 38esimo gran botta di Minotti dai 25 metri e splendida respinta in corner di Brignoli. Un minuto dopo episodio dubbio in area ternana con un colpo di mani piuttosto netto di un difensore non sanzionato dall'arbitro.
Al 43esimo tiro a giro dal limite di Piccolo e palla che sfiora il palo a Brignoli battuto. Pressione incredibile della Virtus tutta protesa in avanti alla ricerca del 2-1.
Al 45esimo traversa di testa di Plasmati. Ternana in debito di ossigeno e di idee.
All'ultimo minuto di recupero colpo di testa di Amenta che sfiora il palo su angolo di Mammarella.
Con questo punto la Virtus Lanciano resta imbattuta e capolista con 19 punti.
Nel prossimo turno la Serie B torna nel consueto orario di sabato alle 15,00 e per la Virtus è prevista la difficile trasferta di un Crotone che naviga in acque di alta classifica.


TABELLINO
VIRTUS LANCIANO (4-3-3): Sepe; De Col (1'st Minotti), Troest, Amenta, Mammarella; Paghera (28'st Gatto), Casarini, Di Cecco; Piccolo, Falcinelli, Turchi (16'st Plasmati). A disposizione: Aridità, Fofana, Buchel, Vastola, Germano, Scrosta, Gatto. Allenatore: Baroni.
TERNANA (4-4-2): Brignoli; Fazio, Ferronetti, Farkas, Lauro; Viola, Miglietta, Falletti (16'st Carcuro), Nolè (28'st Maiello); Antenucci, Ceravolo (22'st Rispoli). A disposizione: Sala, Masi, Litteri, Meccariello, Botta, Avenatti. Allenatore: Toscano.
ARBITRO: Emilio Ostinelli della sezione di Como. Presenti sugli spalti 4.500 spettatori.

Andrea Sacchini