Rugby. Presentata la Gran Sasso che quest'anno giocherà in Serie A

La presidente Loredana Micheli: "siamo pronti per la A"

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1708

Rugby. Presentata la Gran Sasso che quest'anno giocherà in Serie A

(Foto: Spimpolo)

L'AQUILA. E' stata ufficialmente presentata la Gran Sasso Rugby stagione 2013-2014. Nella splendida cornice del Monastero S. Spirito di Ocre (L'Aquila) la società si è presentata ieri alla città e a tutto il comprensorio, in una piacevole serata che è solo l'anticipo di quel che sarà la stagione che sta per iniziare.
Tanti gli ospiti intervenuti, presentati da Vanni Biordi, voce nota di Radio L'Aquila 1. A introdurre il sindaco di Ocre Fausto Fracassi, che ha portato i saluti dell'amministrazione del comune che ha ospitato l'evento. Subito dopo, è stata presentata la squadra che ha ottenuto lo scorso anno la prima storica promozione in serie A, seguita dai nuovi rinforzi che contribuiranno ad arricchire la rosa in vista della stagione alle porte. Uno per uno sono saliti i ragazzi della Gran Sasso, la vera ricchezza della società. Loro portavoce è stato il capitano Daniele Giampietri, cresciuto nel vivaio rossogrigio e autore della meta che ha permesso alla Gran Sasso di volare in A.
La presidente Loredana Micheli ha poi ringraziato tutti coloro che hanno contribuito al raggiungimento dei risultati ottenuti, in primis i numerosi sponsor. Tra questi due novità: la Unirest Srl, che è intervenuta attraverso uno dei suoi soci fondatori Francesco Laurini e l'associazione di imprese Domus, Coget e Adan, rappresentate in questa occasione dall'imprenditore Filiberto Cicchetti. Entrambi hanno ribadito l'impegno nel sostenere la Gran Sasso Rugby, sottolineando che “il territorio deve rinascere nelle strade, nelle piazze e soprattutto a partire dai giovani”.
A seguire sono intervenuti alcuni dei protagonisti istituzionali del territorio aquilano. Emilio Nusca, coordinatori dei Sindaci del Cratere, ha ricordato l'importanza della partnership di immagine che da quest'anno unisce il Coordinamento dei Comuni del Cratere e la Gran Sasso Rugby, facendo di quest'ultima “la squadra del comprensorio aquilano”. Gli ha fatto eco il direttore dell'Ufficio Speciale per la Ricostruzione del Cratere Paolo Esposito, che ha ricordato l'importanza dello spirito di squadra nel rugby, nel lavoro e nella vita: “Con l'azienda con cui lavoravo chiamammo alcuni rugbysti ad insegnarci cos'è lo spirito di squadra e come ci si rialza quando si cade a terra, come ci si riprende dalle difficoltà”. 

Le conclusioni sono state affidate ad Aldo Mancurti, capo del Dipartimento di Sviluppo per le Economie Territoriali (Diset) del Ministero per la Coesione Sociale, che si è soffermato anche sulla ricostruzione dei comuni del Cratere, evidenziando quanto i Sindaci stiano facendo per impiegare al meglio le risorse provenienti dal Governo: “Quello che stiamo vedendo è un grande gioco di squadra” ha affermato Mancurti “proprio come quello della Gran Sasso”.
“Siamo pronti per la A” ha ribadito in chiusura la presidente, confermando lo stato d'animo positivo in vista della partenza di una nuova difficile ma entusiasmante stagione agonistica.
Appuntamento al 5 ottobre, quando a Villa Sant'Angelo (L'Aquila) saranno inaugurati i nuovi impianti sportivi, dove la Gran Sasso Rugby giocherà le sue partite interne: spogliatoi completamente rinnovati, palestra di arrampicata indoor e soprattutto un magnifico campo di gioco in erba naturale.
Il pomeriggio seguente, invece, sarà il giorno dell'esordio della Gran Sasso in serie A. I rossogrigi di Pierpaolo Rotilio affronteranno nel debutto i sardi dell'Alghero.