SERIE B

Maniero-Viviani non bastano ad un Pescara versione “groviera”: il Varese vince 3-2

Primo ko stagionale frutto dei soliti errori della retroguardia di Marino

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1842

Maniero-Viviani non bastano ad un Pescara versione “groviera”: il Varese vince 3-2

VARESE. Il Pescara non c'è (soprattutto in difesa, ndr) e crolla 3-2 a Varese. Vantaggio illusorio dei biancazzurri al 12esimo con Maniero e pareggio di Pavoletti al 24esimo. Nella ripresa vantaggio dei lombardi al 17esimo con pareggio di Viviani al 39esimo. Al 43esimo doppietta personale di Pavoletti per il 3-2 finale.
L'equilibrio è il vero e proprio problema di questo Pescara, ottimo anche se non in giornata dalla metà campo in su ma troppo fragile e pasticcione in difesa, con un centrocampo che fa poco filtro e spesso lascia i propri difensori troppo soli ad opporsi agli avanti avversari. Fotografia perfetta di ciò è il momentaneo gol dell'1-1 del Varese, con un cross nel mezzo per il liberissimo Pavoletti preceduto da un'azione insistita sull'esterno senza la minima opposizione dei mediani.
Passo indietro deciso dei biancazzurri nel primo vero e proprio scontro diretto per l'alta classifica.
Dopo un avvio incoraggiante, l'undici di Marino col passare dei minuti ha concesso campo ed iniziativa ad un Varese abile nelle ripartenze e ben coperto in fase di non possesso del pallone.
20 minuti buoni poi il solito black-out caratterizzato da distrazioni ed errori piuttosto grossolani della retroguardia abruzzese, orfana sì dei titolari Schiavi e Rossi ma totalmente impreparata nell'affrontare la velocità e le verticalizzazioni verso le punte biancorosse.


PRIMO TEMPO
Nel Pescara poche novità e tanti infortuni. Out Sforzini, Rossi e Rizzo. Recuperato Schiavi soltanto per la panchina, in difesa spazio a Cosic che ha vinto il ballottaggio con Bocchetti e Zauri. Per il resto Capuano, Frascatore e Bocchetti a completare il reparto difensivo davanti Pelizzoli. A centrocampo conferma per il trio composto da Brugman, Nielsen e Ragusa. In attacco largo alle idee ed alla velocità di Mascara e Cutolo in appoggio a Maniero. Panchina per Politano e Piscitella.
Nel Varese 4-4-2 classico con il compito di pungere affidato al tandem Neto Pereira-Pavoletti. A centrocampo giocano dal primo minuto Corti e Zecchin.
In avvio piede sull'acceleratore dei biancazzurri. Al quinto direttamente su calcio d'angolo Cutolo colpisce la traversa con la complicità di Bastianoni.
Un minuto dopo ancora Cutolo protagonista in area: palla alle stelle dopo un dribbling vincente.
Col passare dei minuti Varese pericoloso e difesa del Pescara in evidente difficoltà. All'ottavo dalla distanza Pavoletti manda di poco alto. All'undicesimo clamorosa doppia chance per i padroni di casa. Errore in marcatura della retroguardia abruzzese e palla che giunge a Pavoletti che da 2 passi esalta i riflessi di Pelizzoli. Sulla respinta nuovo shoot di Fiamozzi e decisivo l'intervento alla disperata di Frascatore all'interno dell'area piccola.
Nel momento di maggiore difficoltà ecco la perla di Maniero per il vantaggio del Pescara. Al limite dell'area il centravanti biancazzurro riceve palla ed in fazzoletto si gira ed insacca nell'angolino alla destro di Bastianoni.
Reazione pronta del Varese. Al 21esimo sugli sviluppi di un corner errore di Pelizzoli che non blocca in uscita e pericolo sventato dalla retroguardia abruzzese non senza difficoltà.
L'appuntamento col pari biancorosso è però rimandato soltanto di 3 minuti. Centrocampo biancazzurro inguardabile nel filtro, cross col contagiri di Corti e colpo di testa vincente nel mezzo di Pavoletti. Nell'occasione male la difesa biancazzurra che consente un pericolosissimo 4 contro 3 in piena area di rigore.
Il gol scuote il Delfino che si riporta in attacco. Dopo un paio di azioni sfumate proprio al momento del dunque, al 31esimo iniziativa interessante di Cutolo che da buona posizione non inquadra lo specchio della porta.
Al 41esimo botta a colpo sicuro di Corti servito splendidamente da Pavoletti e respinta provvidenziale di Frascatore. Un minuto dopo risposta del Pescara con un tiro da fuori di Nielsen che impegna severamente Bastianoni. Dopo un minuto di recupero squadre negli spogliatoi e risultato di parità giusto per i valori tecnici espressi in campo nei primi 45 di gioco.

SECONDO TEMPO
Nella ripresa parte meglio il Varese, vicino al vantaggio al minuto 5 con Lazaar che dal limite costringe Pelizzoli alla difficilissima parata in allungo. Un minuto dopo Cutolo addomestica un buon pallone per Viviani che spara debolmente tra le braccia di Bastianoni, complice anche una deviazione di un difensore varesino. All'undicesimo velleitario tentativo dalla distanza di Mascara con palla abbondantemente a lato.
Al 17esimo il nuovo vantaggio dei padroni di casa su ennesimo errore della retroguardia abruzzese. Cross basso di Franco, Pelizzoli sbaglia i tempi dell'uscita bassa e Fiamozzi da 2 passi appostato sul secondo palo insacca.
Reazione del Pescara al 20esimo con Cutolo, che direttamente su calcio di punizione dai 25 metri sfiora il palo alla sinistra di Bastianoni.
Controlla bene la partita il Varese senza troppe difficoltà ma al 39esimo a sorpresa il pareggio del Pescara. Su calcio di punizione da posizione decentrata il neo-entrato Viviani sorprende nettamente l'estremo difensore varesino alla sua sinistra: 2-2 nel momento peggiore della gara per gli uomini di Marino, incapaci fino ad allora di creare grattacapi a Bastianoni.
Passano soltanto 4 minuti e l'ennesimo errore della difesa pescarese è fatale a Pelizzoli. Lancio lungo di Neto Pereira per Pavoletti che in velocità supera i 2 centrali biancazzurri e fredda il portiere abruzzese con un dolce pallonetto.
Al 93esimo ancora Pavoletti pericoloso: a tu per tu con Pelizzoli non supera il portiere ex Roma e Reggina. Un minuto dopo incredibile chance per il pari del Pescara: cross di Nielsen per Vukusic che serve Maniero che da 2 passi a porta spalancata sparacchia malamente addosso a Bastianoni. Dopo 7 minuti di recupero il triplice fischio.
Sabato prossimo allo stadio Adriatico arriva il Bari, fiaccato in classifica da 3 punti di penalizzazione ma reduce dal prezioso 1-0 del San Nicola con il Modena.

TABELLINO
VARESE (4-4-2): Bastianoni; Laverone, Ely, Rea, Franco (38'st Ricci); Fiamozzi, Corti, Zecchin (21'st Barberis), Lazaar (30'st Cristiano); Pavoletti, Neto Pereira. A disposizione: Milan, Damonte, Bjelanovic, Tremolada, Forte, Calil. Allenatore: Sottili.

PESCARA (4-3-3): Pelizzoli; Balzano, Cosic, Capuano, Frascatore (45'st Vukusic); Nielsen, Brugman (1'st Viviani), Rragusa; Mascara, Cutolo, Maniero, Mascara (30'st Piscitella). A disposizione: Pigliacelli, Zauri, Schiavi, Bocchetti, Zuparic, Politano. Allenatore: Marino.

ARBITRO: Pinzani della sezione di Empoli.


Andrea Sacchini