CALCIO

Under 21. L'Italia supera in trasferta 2-0 il Cipro e torna a sorridere

In campo il pescarese Frascatore. Panchina per il lancianese Gatto

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1290

Under 21. L'Italia supera in trasferta 2-0 il Cipro e torna a sorridere




CIPRO. Tre punti con Cipro e i gol nati da due sostituzioni, con Fedato e Improta mandati in campo nella ripresa e autori delle reti che hanno regalato alla Nazionale Under 21 il primo successo nel girone di qualificazione al prossimo Europeo. Dopo il ko all’esordio di giovedì con il Belgio, a Nicosia era fondamentale un riscatto immediato e, pur senza incantare, gli Azzurrini hanno dominato la gara dal primo all’ultimo minuto, senza mai correre rischi e collezionando già nel primo tempo almeno un paio di palle gol.
“Era importante vincere – ha ammesso Di Biagio – anche se insisto molto sull’importanza di giocare bene. Non siamo riusciti a imprimere alla partita un ritmo alto, complice anche il caldo e il loro atteggiamento. In ogni caso siamo arrivati una decina di volte alla conclusione”.
Le reti del successo sono arrivate dalla panchina, grazia agli innesti di Fedato e Improta: “Bravi loro che si sono fatti trovare pronti – ha spiegato il tecnico azzurro – ma tutti i ragazzi devono capire che solo con una mentalità propositiva si riesce a crescere. Sono contento per il risultato, meno per la prestazione”.

Alla vigilia Di Biagio aveva anticipato di voler confermare il 4-2-3-1 adottato anche con il Belgio, con la necessità di un turnover dettato prevalentemente da motivi fisici. E così spazio dal primo minuto a Zappacosta e Frascatore come laterali di difesa, con il ritorno di Crisetig in mezzo al campo e gli innesti di Longo e Fossati, chiamati a supportare insieme a Battocchio l’unica punta Belotti. Forze fresche quindi soprattutto sulle fasce, in un periodo della stagione in cui la condizione fisica non può essere al top. Gli Azzurrini hanno subito occupato la metà campo avversaria, con un buon possesso palla e Di Biagio a chiedere ai suoi di cambiare gioco per eludere il blocco difensivo cipriota. E le occasioni per sbloccare il risultato non sono mancate: prima Battocchio, autore del gol del momentaneo vantaggio con il Belgio, ha impegnato con un diagonale sinistro Mytidis e ha sfiorato il palo con un colpo di testa, poi è toccato a Belotti al 26’ testare i riflessi di Mytidis con un’incornata su un cross dalla trequarti di Crisetig. Non pervenuto Cipro, con dieci uomini a stazionare nella propria metà campo.
Alla ricerca del grimaldello giusto per scardinare la difesa avversaria, a inizio ripresa Di Biagio ha deciso di inserire Fedato e Improta al posto di Fossati e Crisetig. Una mossa vincente, visto che proprio Fedato ha trovato il gol del vantaggio al 21’ della ripresa, con un piattone ravvicinato su assist di Baselli. Uno a zero e partita finalmente in discesa. Bardi ha movimentato il suo pomeriggio con una respinta su un sinistro da fuori di Englezou, poi Mytidis ha fermato in uscita Longo a un passo dal 2-0. Il raddoppio è arrivato allo scadere con l’altro neo entrato, Improta, servito da Fedato. Per l’Italia sono così arrivati i primi tre punti del girone e una boccata d’ossigeno preziosa che consentirà agli Azzurrini di poter preparare con maggior tranquillità il match in programma il 15 ottobre con la capolista Belgio.

TABELLINO
CIPRO (5-3-2): Mytidis; Moulazimis (20' st Charalambous), Constantinou, Djamas, Kyriakou, Efthimiou; Charalampous, Theodorou, Froxylias (15' st Kyprou); Roushias, Thalassitis (6' st Englezou). A disposizione: Charalambous, Papageorgiou, Loizou, Demetriou. Allenatore: Makridis.
ITALIA (4-2-3-1): Bardi; Zappacosta, Bianchetti, Di Lorenzo, Frascatore; Crisetig (14' st Improta), Baselli; Battocchio, Longo, Fossati (1' st Fedato); Belotti (29' st Molina). A disposizione: Pigiacelli, Gatto, Antei, Sabelli. Allenatore: Di Biagio.
ARBITRO: Grinfeld (Israele).