SERIE B

Pescara. Marino non si fida del Crotone: «è una buona squadra: rispetto ed attenzione»

Il Crotone ha raccolto meno di quanto seminato: «hanno mentalità propositiva»

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1684

Pescara. Marino non si fida del Crotone: «è una buona squadra: rispetto ed attenzione»

Pasquale Marino



PESCARA. Allenamento di rifinitura in mattinata per il Pescara alla Cittadella dello Sport di San Giovanni Teatino in vista del match di domani all'Adriatico contro il Crotone. Per il tecnico Pasquale Marino buone notizie dal recupero degli infortunati, con Brugman e Politano che hanno svolto lavoro insieme al gruppo e risultano pienamente recuperati. Nulla da fare per Rossi e Sforzini e per tutti quei giocatori convocati nelle selezioni giovanili. Un problema non di poco conto in vista del futuro visto l'elevato numero di partite programmate per le qualificazioni europee dalle varie Under 21.
Ha partecipato alla seduta anche il neo portiere Emanuele Belardi, tesserato proprio per ovviare alle tante assenze di Pigliacelli, punto fermo della nuova Under di Luigi Di Biagio.
Emergenza o meno tutta la concentrazione del gruppo e di Marino è concentrata sulla partita col Crotone. Calabresi che giungono all'appuntamento senza aver ancora collezionato un punto in classifica dopo 2 giornate: «loro verranno nel nostro stadio col dente avvelenato. Per caratteristiche il Crotone nonostante le sconfitte si è presentato con un atteggiamento propositivo giocando un buon calcio. Hanno raccolto meno di quando prodotto in casa. Non è una partita semplice e va affrontata con il massimo rispetto ed attenzione. Bisogna essere aggressivi anche perché loro giocheranno in maniera diversa rispetto Juve Stabia e Trapani che abbiamo già affrontato».
«Noi stiamo facendo un buon lavoro» – prosegue Marino – «sappiamo delle nostre potenzialità. La squadra ha mostrato giusta maturità con l'obbiettivo continuo di migliorarci tecnicamente e fisicamente. Questi ragazzi danno tutto. Dispiace il non poter utilizzare diversi elementi ma lo sapevamo».


Rispetto a Trapani: «voglio più cattiveria e determinazione negli ultimi 20 metri. Dobbiamo essere maggiormente concentrati perché non va bene produrre tanto per poi raccogliere poco, come successo ad esempio a Trapani».
Sulla partenza di Bjarnason: «chi resta deve restare con grande volontà. Nel momento in cui abbiamo capito che la volontà del giocatore era di andare in Serie A non abbiamo potuto fare nulla. Aveva forte volontà di andare alla Sampdoria ed il procuratore ha spinto parecchio. Abbiamo fatto di tutto ma il ragazzo è stato condizionato. Oggettivamente è difficile convincere un giocatore a restare in B con importanti offerte dalla divisione superiore».
«Non sono stato contento ma c'era poco da fare» – chiude Marino – «non è stato preso il sostituto? Prendere giusto per è sempre sbagliato. Meglio restare così».

PROBABILI FORMAZIONI
PESCARA (4-3-3): Pelizzoli; Balzano, Schiavi, Capuano, Bocchetti; Nielsen, Brugman, Ragusa; Mascara, Maniero, Cutolo. Allenatore: Marino.
CROTONE (4-3-3): Concetti; Del Prete, Abruzzese, Cremonesi, Mazzotta; Matute, Crisetig, Galardo; Torromino, Ishak, De Giorgio. Allenatore: Drago.
Andrea Sacchini