CALCIO

Serie B. Sfortuna ed ingenuità: Pescara-Trapani finisce 2-2 tra mille rimpianti

Due autogol di Capuano e Bocchetti per l'incredibile pareggio

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1622

Serie B. Sfortuna ed ingenuità: Pescara-Trapani finisce 2-2 tra mille rimpianti




TRAPANI. Incredibile a Trapani. Fa tutto il Pescara nel bene e nel male ma alla fine è soltanto 2-2. Nel primo tempo vantaggio degli ospiti con Ragusa al nono minuto e pareggio con un autogol di Capuano al 34esimo. Nella ripresa nuovo vantaggio del Pescara con Cutolo al 12esimo. Al 24esimo la seconda autorete di giornata questa volta di Bocchetti per il 2-2 finale.
I biancazzurri brillano, soffrono, subiscono ingenuamente il primo pareggio e con grande carattere ribaltano gli equilibri della contesa prima di subire nuovamente e scioccamente il secondo pari del Trapani. Adriatici che, in completo controllo della gara, hanno commesso il grave errore di specchiarsi troppo senza mettere la giusta cattiveria e determinazione sotto porta nel momento di massima confusione dei siciliani. Due punti chiaramente buttati per un Pescara troppo superiore qualitativamente ad un Trapani apparsa compagine tutt'altro che trascendentale e discreta solo sotto il profilo fisico e caratteriale. 


PRIMO TEMPO
Marino deve rinunciare a parecchi infortunati soprattutto in difesa. Out Schiavi e Rossi. Indisponibile anche Cosic convocato dalla sua Nazionale. In difesa Bocchetti e Capuano centrali con Frascatore e Balzano sugli esterni a protezione della porta di Pelizzoli. A centrocampo, stante la cessione all'ultimo giorno di mercato di Bjarnason alla Sampdoria, spazio a Ragusa mezz'ala con Brugman in cabina di regia e Nielsen a completare il trio. In avanti largo alla fantasia ed alla velocità di Cutolo e Mascara ai lati di Maniero.
Nel Trapani mister Boscaglia sceglie il classico 4-4-2 con il compito di pungere affidato al tandem Djuric-Mancosu. Solo panchina per Terlizzi, grande ex della contesa. Arbitra Candussio di Cervignano davanti a circa 10mila spettatori.
Al settimo minuto brivido per il Pescara. Cross che sembra innocuo di Rizzato, Pelizzoli non controlla e palla in piena area piccola che viene liberata a fatica dalla retroguardia adriatica. Un minuto dopo altro traversone di Rizzato per la testa di Djuric ma questa volta Pelizzoli risponde con attenzione.
Al primo vero affondo, l'undici di Marino passa in vantaggio: magia di Ragusa che controlla un buon pallone al limite dell'area e di destro fa secco Nordi.
Al quarto d'ora sugli sviluppi di un corner la palla finisce sulla testa di Nielsen che non da potenza e favorisce il facile intervento di Nordi.
Al 16esimo dalla grandissima distanza Nielsen impegna il portiere trapanese in angolo.
Al 20esimo Ragusa dal vertice destro dell'area di rigore si accentra e costringe Nordi al grande intervento in corner.
Risposta del Trapani al 25esimo con Mancosu che da buona posizione sparacchia alle stelle.
Un minuto dopo occasione gigantesca per il raddoppio del Pescara. Invenzione di Cutolo in profondità per Mascara che a tu per tu con Nordi sparacchia malamente addosso al portiere.
Al 28esimo la difesa del Pescara regala troppo spazio a Rizzato che dal limite calcia di poco fuori.
Alla mezz'ora la prima solare palla gol per il Trapani. Azione confusa in area ed in acrobazia Lo Bue dagli undici metri non inquadra lo specchio della porta.
Col passare dei minuti aumenta la pressione del Trapani che perviene al pareggio al 34esimo. Calcio piazzato di Madonia per la testa nel mezzo di Pagliarulo, palo pieno e palla che carambola tra i piedi di Capuano che nel tentativo di liberare l'area fa secco il proprio portiere. Finale di frazione senza particolari sussulti con gioco stagnante a centrocampo. 


SECONDO TEMPO
Al quarto minuto contropiede del Trapani e Mancosu da posizione decentrata costringe Pelizzoli alla deviazione in angolo. Al settimo ghiotta chance ancora per i siciliani con Djuric, che dal limite sfiora il palo a Pelizzoli battuto.
Risposta timida del Pescara al nono con Mascara dal limite: palla docile tra le braccia di Nordi. Al decimo bella girata di Maniero su invito di Nielsen e sfera in corner.
Nel momento di maggiore difficoltà della gara, al 12esimo il Pescara ha la grande forza di reagire e di riportarsi in vantaggio. Gran riflesso di Nordi su Maniero e palla che arriva tra i piedi di Cutolo che insacca. Il gol spegne l'ardore del Trapani col Pescara che lentamente col passare dei minuti torna in completo controllo della gara.
Al 25esimo il pareggio rocambolesco del Trapani. Traversone innoquo di Rizzato nel mezzo, Pelizzoli sbaglia l'uscita bassa e Bocchetti realizza involontariamente il più classico degli autogol. È il secondo di giornata per un Pescara bello ma sfortunato e poco concentrato in difesa.
Al 27esimo ottimo spunto di Ragusa e difesa del Trapani che si rifugia con qualche affanno in corner. Un minuto dopo gol, apparentemente regolare, annullato a Maniero.
Al 35esimo grandissima occasione per il Pescara con Ragusa: slalom speciale dell'ex esterno della Ternana e conclusione in porta che chiama alla grandissima respinta Nordi.
Al 90esimo Trapani in inferiorità numerica per l'espulsione diretta di Ciaramitaro ma il risultato non cambierà più. 


TABELLINO
TRAPANI (4-4-2): Nordi; Lo Bue (39'st Garufo), Pagliarulo, Martinelli, Rizzato; Nizzetto (16'st Pirrone), Caccetta, Ciaramitaro, Madonia (16'st Gambino); Mancosu, Djuric. A disposizione: Marcone, Priola, Terlizzi, Pacilli, Abate, Iunco. Allenatore: Boscaglia.
PESCARA (4-3-3): Pelizzoli; Balzano, Bocchetti, Capuano, Frascatore; Nielsen, Brugman, Ragusa; Cutolo (23'st Rizzo), Maniero, Mascara (45'st Piscitella). A disposizione: Pigliacelli, Zauri, Viviani, Fornito, Kabashi, Padovan, Zuparic. Allenatore: Marino.
ARBITRO: Renzo Candussio della sezione di Cervignano. Presenti sugli spalti circa 10mila spettatori.


Andrea Sacchini