Basket. Il sogno promozione del Lanciano si ferma a Taranto: 73-57

I gialloblù reggono 2 quarti poi crollano col passare dei minuti

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

2063

Basket. Il sogno promozione del Lanciano si ferma a Taranto: 73-57




TARANTO. Non ce l'ha fatta la Bls Lanciano a espugnare Taranto in gara3 e a regalarsi la finale contro Maddaloni. I ragazzi di coach Salvemini hanno retto 2 quarti prima di cedere ai padroni di casa, proprio nel momento in cui la Bls sembrava aver innestato la marcia giusta per scappare avanti. Dopo 2 prime frazioni in cui Taranto e Lanciano hanno dato vita a un match equilibratissimo, con Lanciano che nel primo quarto trova grosse difficoltà a segnare dall'arco, nonostante giochi meglio degli uomini di coach Leale e riesca a creare più azioni, nella seconda frazione è Scavongelli a trovare la mira giusta e a piazzare tre triple che tengono Lanciano sempre attaccato ai rossoblù.
Castelluccia è carico di falli ed è costretto a tanta panchina. Si va al riposo sul 31 a 29 per i padroni di casa.
In avvio di terza frazione Lanciano si porta in vantaggio grazie a una tripla di Di Sante e a un canestro di Martelli (31-34). Blaskovic ha la palla del +5, ma la sua conclusione non trova fortuna e sul contropiede che ne consegue Fanelli mette a segno la tripla del pari.
Lanciano scompare dal campo e Taranto si prende tutta la scena, andando a segno a ripetizione dall'arco, con Fanelli e Moliterni. Lanciano di contro torna a litigare col ferro e i rossoblù scappano lontanissimi fino a toccare il 55 a 38 di fine terza frazione.
La Bls è un pugile alle corde e Castelluccia commette altri 2 falli in una manciata di secondi che sanciscono la sua uscita di scena a 8 minuti dal termine. Salvemini ricorre alla freschezza dei giovani per cercare il recupero impossibile. La Bls torna a -12 punti sul 59 a 47, grazie a un canestro di Martelli, ma Taranto ne ha di più e tiene a debita distanza i frentani.
Gli ultimi minuti sono puro garbage time, con la Bls inerme che non riesce più a porre alcuna resistenza agli avversari.
Nel finale Martelli riporta un infortunio alla caviglia ed abbandona il campo anzitempo.
La gara termina 73 a 57. Non era lecito chiedere di più a questi ragazzi, che partiti con l'obiettivo salvezza hanno portato i colori gialloblù in gara3 della semifinale play-off.
Taranto va in finale... va bene così... Non si può se non ringraziare la squadra e lo staff tecnico per la splendida stagione disputata. Questa stagione può costituire un punto di partenza per le ambizioni di questa squadra e di questa società. Occorrerà continuare col progetto tecnico intrapreso e che ha maturato ben più dei frutti sperati, ma di pari passo servirà il sostegno finanziario degli sponsor, per coltivare questo progetto, in un periodo di crisi che ha messo tutti i settori alle corde, non di meno quello sportivo.

CUS JONICO TARANTO-BLS LANCIANO 72-57 (12-10 / 19-19 / 24-09 / 18-19)
CUS JONICO TARANTO:Giuffré 6, Fanelli 15, Sarli 11, Leoncavallo 19, Valentini 0, Moliterni 15, Greco 3, Prisciano 1, Salerno 6, Appeso 0. Coach: Nicola Leale.
BLS LANCIANO: Di Emidio 6, Scavongelli 13, Martelli 16, Castelluccia 2, Blaskovic 4, Carosella 0, Di Sante 7, Bomba 2, Muffa 5. Di Matteo 2 Coach: Giorgio Salvemini.
ARBITRI: Andrea Bernassola e Emanuele Desideri.
NOTE: Spettatori 1500 circa - Usciti per 5 falli Castelluccia e Bomba (Lanciano).