CALCIO

Pescara-Zeman. Il patron Sebastiani: «entro lunedì la decisione del mister»

Il presidente biancazzurro: «nessun ultimatum ma sì o no entro pochi giorni»

Andrea Sacchini

Reporter:

Andrea Sacchini

Letture:

2577

Pescara-Zeman. Il patron Sebastiani: «entro lunedì la decisione del mister»

 

Pescara-Zeman. Il patron Sebastiani: «entro lunedì la decisione del mister»
Il presidente biancazzurro: «nessun ultimatum ma sì o no entro pochi giorni»
calcio, pescara, zeman, martino, delfino, serie b, serie a
PESCARA. Conferenza stampa organizzata da Daniele Sebastiani nella sede della Pescara calcio in Via Albegna. 
Tra i tanti temi affrontati dal patron biancazzurro l'addio di Antonio Martino, che ha lasciato il club per impegni di lavoro lontano da Pescara e che rimarrà da giugno come sponsor ed ovviamente il possibile ritorno di Zdenek Zeman. Proprio col boemo è previsto un contatto telefonico domani, per fissare un incontro tutt'altro che interlocutorio tra domenica e lunedì: «entro lunedì incontreremo Zeman e valuteremo insieme il da farsi. Lui non ha preso tempo, siamo stati noi ad aspettare un po' per valutare alcune cose. Abbiamo uno staff tecnico guidato da Giorgio Repetto, che abbiamo preso non per fare da comparsa. Ci darà indicazioni importanti per il futuro».
«Repetto è già d'accordo per il ritorno di Zeman» – prosegue Sebastiani – «ma ad oggi il boemo non è ancora l'allenatore del Pescara. Valuteremo insieme anche perché Zeman potrebbe anche chiedere qualcosa che non possiamo dare».
Su chi sostiene che il Pescara, per Zeman, rappresenta una soluzione di ripiego: «questo non mi risulta. Se dovessi accorgermi di una cosa del genere non ci penserei su 2 volte per fare marcia indietro. Pescara non è una seconda scelta per il mister».
UNA SERIE B IMPORTANTE PER IL PESCARA
Sul campionato che dovrà affrontare il Pescara: «lavoreremo per fare un campionato importante. Play-off o promozione diretta poi lo dirà il campo, ma le ambizioni sono importanti».
Con o senza Zeman: «quando ho incontrato Zeman ci ha detto che bisognava confrontarsi con la Roma. Ho parlato col club giallorosso e non ci sono problemi legati a questo fatto».
Se dovesse saltare il boemo, la corsa sarebbe ristretta ai soliti nomi (Marino, Mangia, Giampaolo, De Canio, ndr): «nessuno è una seconda scelta. Sono tutti allenatori assolutamente validi, solo è chiaro che Zeman ha un fascino particolare per quello che ha fatto qui a livello tecnico. Tutti i nomi fatti in questi mesi non sono gli ultimi arrivati, sono grandi tecnici che possono fare benissimo a Pescara».
Quanto tempo aspetterà il Pescara? «Nel momento in cui incontreremo Zeman, lui deciderà se accettare o meno la nostra offerta. Con un no volteremmo pagina senza problemi. Non c'è nessun ultimatum da parte nostra. Se il mister deciderà di dire sì al Pescara non sarà un problema trovare un accordo con la Roma».




PESCARA. Conferenza stampa organizzata da Daniele Sebastiani nella sede della Pescara calcio in Via Albegna. Tra i tanti temi affrontati dal patron biancazzurro l'addio di Antonio Martino, che ha lasciato il club per impegni di lavoro lontano da Pescara e che rimarrà da giugno come sponsor ed ovviamente il possibile ritorno di Zdenek Zeman. Proprio col boemo è previsto un contatto telefonico domani, per fissare un incontro tutt'altro che interlocutorio tra domenica e lunedì: «entro lunedì incontreremo Zeman e valuteremo insieme il da farsi. 

 

Lui non ha preso tempo, siamo stati noi ad aspettare un po' per valutare alcune cose. Abbiamo uno staff tecnico guidato da Giorgio Repetto, che abbiamo preso non per fare da comparsa. Ci darà indicazioni importanti per il futuro».«Repetto è già d'accordo per il ritorno di Zeman» – prosegue Sebastiani – «ma ad oggi il boemo non è ancora l'allenatore del Pescara. Valuteremo insieme anche perché Zeman potrebbe anche chiedere qualcosa che non possiamo dare».Su chi sostiene che il Pescara, per Zeman, rappresenta una soluzione di ripiego: «questo non mi risulta. Se dovessi accorgermi di una cosa del genere non ci penserei su 2 volte per fare marcia indietro. Pescara non è una seconda scelta per il mister».

UNA SERIE B IMPORTANTE PER IL PESCARA

Sul campionato che dovrà affrontare il Pescara: «lavoreremo per fare un campionato importante. Play-off o promozione diretta poi lo dirà il campo, ma le ambizioni sono importanti».Con o senza Zeman: «quando ho incontrato Zeman ci ha detto che bisognava confrontarsi con la Roma. Ho parlato col club giallorosso e non ci sono problemi legati a questo fatto». Se dovesse saltare il boemo, la corsa sarebbe ristretta ai soliti nomi (Marino, Mangia, Giampaolo, De Canio, ndr): «nessuno è una seconda scelta. Sono tutti allenatori assolutamente validi, solo è chiaro che Zeman ha un fascino particolare per quello che ha fatto qui a livello tecnico. Tutti i nomi fatti in questi mesi non sono gli ultimi arrivati, sono grandi tecnici che possono fare benissimo a Pescara».Quanto tempo aspetterà il Pescara? «Nel momento in cui incontreremo Zeman, lui deciderà se accettare o meno la nostra offerta. Con un no volteremmo pagina senza problemi. Non c'è nessun ultimatum da parte nostra. Se il mister deciderà di dire sì al Pescara non sarà un problema trovare un accordo con la Roma».