Lanciano Basket. Il patron Flaminio suona la carica in vista di Taranto: «mai mollare»

Per il passaggio in finale sarà decisiva gara 3 in Puglia domenica

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

2459

Lanciano Basket. Il patron Flaminio suona la carica in vista di Taranto: «mai mollare»




LANCIANO. Il punto del pareggio ottenuto dal Lanciano Basket mercoledì in casa col Taranto in gara 2 semifinale play-off ha caricato a mille l'ambiente frentano che ora sogna la finale. Il Cus Jonico però avrà il grande vantaggio di giocare sul proprio parquet gara 3. Un fattore non di poco conto vista e considerata la grande qualità dei singoli dei pugliesi ed il calore del PalaMazzola che domenica sarà gremito con ogni probabilità da più di mille spettatori. La posta in palio sarà altissima anche perché con l'imminente riforma dei campionati è possibile che non solo la vincitrice dei play-off salga in DnB, ma anche la finalista.
«Sarà un ambiente molto caldo» – ha raccontato a PrimaDaNoi.it Flavio Flaminio, presidente del Lanciano Basket – «ma mi aspetto una grande prova della squadra. Sappiamo una volta di più il nostro valore e possiamo giocarcela alla pari con tutti. È fantastico se ripensiamo agli obbiettivi di inizio campionato. Siamo partiti per salvarci, poi ci siamo ritrovato prima ai play-off e poi a superare il Vasto secondo in classifica. Ora ce la giochiamo, non possiamo mollare».
Di fronte ci sarà un Taranto ferito dal ko di Lanciano: «sarà una gara aggressiva. Loro cercheranno di scavare un solco importante già dal primo quarto. Confido nel nostro coach Salvemini per evitare che questo accada. Sicuramente faremo la nostra partita».
Sicuramente sarà della partita Di Emilio, il migliore in campo in gara 2 a Lanciano: «è stato super nelle percentuali di tiro e di rimbalzi. 5 su 5 sui tiri liberi poi tantissime palle recuperate. Ha ottenuto una valutazione altissima che dimostra le qualità del giocatore. Di Emilio è stata una scommessa vinta dal Lanciano Basket. Abbiamo puntato su di lui anche perché l'allenatore ci puntava molto. È cresciuto tantissimo ma come lui tanti anni».
Anche col Vasto il Lanciano aveva perso gara 1, prima di compiere la straordinaria rimonta che ha permesso ai frentani di raggiungere la semifinale: «mi aspettavo il punto del pareggio. Lì a Taranto in gara 1 è stato un po' come a Vasto, con il Lanciano che non ha brillato eccezion fatta un paio di elementi. Sapevamo però che in casa non poteva essere come in gara 1. Ora guardiamo con attenzione gara 3 di domenica sperando che sia diverso rispetto la prima gara. Speriamo di replicare quanto fatto a Vasto la settimana scorsa». 


L'ABRUZZO AI PLAY-OFF SOLO CON ROSETO E LANCIANO
Dopo l'uscita dai play-off di Vasto, Giulianova ed Amatori Pescara restano solo Lanciano e Roseto a difendere i colori abruzzesi nei play-off. Un motivo di grande orgoglio per il presidente Flaminio: «siamo rimasti noi ed il Roseto ed abbiamo i riflettori puntati. Speriamo in questa finale che sarebbe qualcosa di fantastico».
C'è grande mobilitazione anche tra i tifosi che stanno organizzando un pullman per seguire la squadra a Taranto. Sostenitori il cui supporto è stato importantissimo in gara 2: «è stata una serata bellissima mercoledì, con la squadra che è stata supportata dal Circolo Tennis Lanciano e da molti tifosi della Virtus Lanciano».
Andrea Sacchini