SERIE A

Pescara-Zeman. Sebastiani attende il sì del boemo ma pensa a valide alternative

Il presidente: «nessun allenatore dovrà sentirsi seconda scelta»

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

2825

Pescara-Zeman. Sebastiani attende il sì del boemo ma pensa a valide alternative






PESCARA. Tutto ruota attorno al nome del nuovo tecnico. Il Pescara fa carte false per Zeman ma quest'ultimo si lascia desiderare, senza dare le possibilità di carpire le sue vere intenzioni. Il tutto a danno del Delfino che ancora una volta vede i suoi programmi futuri rallentati per le indecisioni di Zeman. Ad un anno di distanza la storia si ripete e la società biancazzurra dovrà essere abile a fissare un giusto ultimatum oltre il quale si renderà necessario battere altre strade.
Al contrario il Pescara dilapiderebbe tutto quel “vantaggio”, in parte già perso, che aveva conseguito negli ultimi mesi di campionato nei confronti delle altre squadre di Serie B: il sapere già quale categoria disputare, infatti, avrebbe dovuto già mettere in movimento i dirigenti adriatici, che come un anno fa attendono la risposta definitiva di Zeman prima di progettare il prossimo campionato. Risposta affermativa che potrebbe anche non arrivare visto i trascorsi e l'imprevedibilità del boemo, che vorrebbe aspettare qualche settimana per capire le possibilità di allenare ancora un anno in Serie A. 


Zeman resta la primissima scelta ma il patron Sebastiani ieri ha voluto chiarire che nessun allenatore deve sentirsi seconda scelta del club: «ora dobbiamo concentrarci sulla scelta del tecnico. Definiti i quadri tecnici con Repetto, Acri, Nobili e Ruffini, possiamo guardare al nuovo allenatore. Zeman ha un fascino particolare ma tutti i nomi accostati al Pescara sono validi».
«Nessuno di loro dovrà sentirsi una seconda scelta» – chiude il patron degli adriatici – «anche se Zeman ha grande fascino visto che in questa piazza ha già fatto un lavoro incredibile». 


Al Pescara nel corso delle settimane sono stati accostati diversi allenatori importanti per la categoria: Torrente, De Canio, Giampaolo e Marino. Quest'ultimo era il favorito ma l'ascesa del nome di Zeman ha un po' cambiato le carte in tavola.
Virtualmente nulla infine le possibilità di rivedere Bucchi sulla panchina del Delfino per l'anno prossimo.
Oggi la squadra riprenderà gli allenamenti alle ore 16,00 al centro sportivo Vestina di Montesilvano in attesa del “rompete le righe” previsto tra qualche giorno.


Andrea Sacchini