Rugby. Spareggio col Crociati amaro per L'Aquila che retrocede in Serie A

Beffa 21-15 quasi allo scadere per gli abruzzesi

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

2484

Rugby. Spareggio col Crociati amaro per L'Aquila che retrocede in Serie A




PRATO. L’incontro, disputato al Chersoni di Prato, termina 15 a 21 per i Crociati Parma che conquistano così la permanenza nella massima serie.
L’Aquila Rugby gioca con grinta e cuore, sostenuta ininterrottamente dai tanti tifosi arrivati da L’Aquila e da Bergamo: difende e conduce il gioco, determinata a regalare la vittoria più importante a quella parte di Città arrivata fin qui e a coloro che, da casa, chiedono notizie. Invece, allo scadere, sul vantaggio di 15 a 14 per i neroverdi mantenuto per tutto il secondo tempo, arriva la beffa del destino con il mediano di mischia del Parma pronto a stoppare un calcio di rimessa neroverde sui cinque metri aquilani e a schiacciare in meta.
La cronaca: i Crociati mettono a segno i primi punti della partita con un calcio di punizione realizzato da Violi (0 – 3 al secondo minuto), al 26’ l’Aquila risponde con un piazzato di Paolucci che riporta le squadre in parità. Dopo diversi tentativi arriva la meta del vantaggio con il pacchetto di mischia che spinge e Gigi Milani che schiaccia. Dopo l’intervallo l’Aquila torna in campo ancora più grintosa e al 49’ Robinson schiaccia in meta dopo aver ricevuto l’ovale da Matteo Falsaperla che corre in velocità dai propri ventidue e serve l’ala neroverde lungo la linea di touche: l’ala segna e Paolucci trasforma. Sul vantaggio di 15 a 9 L’Aquila conduce bene l’incontro ma, al 58’ resta in 14 a causa di un giallo assegnato a Zaffiri: i Crociati approfittano della superiorità numerica e si riportano sotto con il risultato. Per dieci minuti si combatte da entrambe le parti ma i neroverdi difendono con le unghie il vantaggio di 15 a 14, finché, allo scadere non subiscono la meta sopra accennata che decreta la fine amara di un incontro affrontato sempre a testa alta.
L’ultima immagine della stagione: capitan Di Massimo al comando dei compagni, sotto la tribuna a salutare, commossi e sconfortati, i propri tifosi che li accompagnano tra gli applausi.

CROCIATI RUGBY – L'AQUILA RUGBY 1936 21- 15 (6-8)
MARCATORI: p.t. 2’ cp Violi (3-0), 26’ cp Paolucci (3-3), 28’ cp Violi (6-3), 40’m Milani (6-8); s.t. 49’ m Robinson tr Paolucci (6-15), 58’ cp Violi (9-15), 70’ m En Naour (14-15), 80’m Violi tr Violi (21-15)
CROCIATI RUGBY: Farolini; Alberghini, Castel, En Naour, Carritiello; Zucconi, Violi; Marazzi, Sciacca; Dell’Acqua, Mandelli (cap), Amenta ; Negrotto, Manghi (57’ Goegan), Singh (26’Ferrari)
all. Pascarelli
L'AQUILA RUGBY 1936: Falsaperla M; Robinson, Di Massimo (c), M., Antonelli (76’Falsaperla L.),, Paolucci; Lorenzetti Callori; Turner, Zaffiri, Di Cicco (76’ Lofrese); Cialone, Wilson; Cafaro (76’Bordonaro), Subrizi (68’Cocchiato), Milani (72’ Breglia). all. Lorenzetti
ARBITRO: Falzone (Padova). Gdl: Pennè (Milano), Franzoi (Venezia). Quarto uomo: Cusano (Vicenza).
CARTELLINI: 58’ cartellino giallo a Zaffiri (L’Aquila)
MAN OF THE MATCH: Violi (Crociati)
CALCIATORI: Violi 4/5(Parma), Paolucci 2/5(Aquila)
NOTE: giornata soleggiata, 22°, terreno in buone condizioni. 600 spettatoti ca.