Basket. Cominciano male i play-off per l'Amatori Pescara. Sconfitta 62-45 a Scauri

Gara 2 dei quarti di finale prevista per giovedì alle 20,30

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1176

Basket. Cominciano male i play-off per l'Amatori Pescara. Sconfitta 62-45 a Scauri




SCAURI. Il primo atto della sfida Scauri – Amatori va all'Autosoft che fa valere il fattore campo e s'impone nettamente con il punteggio di 62-45 al termine di una partita condotta dall'inizio alla fine. Pescara dal canto proprio è riuscita a limitare offensivamente il miglior attacco della serie B, ma sull'altro lato del campo ha fatto i conti con una siccità davvero insolita per il quintetto di coach Trullo che ha pagato delle percentuali al tiro a dir poco disastrose. I numeri non lasciano scampo e sono l'emblema di una partita in cui il canestro è apparso letteralmente stregato, il peggior nemico dei biancorossi ancor prima di Serino e soci.
Che non sarebbe stata una partita semplice lo si è capito fin dai primissimi minuti: entrambe le squadre hanno segnato con il contagocce ma, mentre i padroni di casa nella seconda metà del primo quarto si sbloccavano, gli ospiti continuavano a faticare e chiudevano con appena 5 punti siglati contro i 15 degli avversari. Pescara ha contenuto il divario attorno alle 10 lunghezze per oltre un quarto d'ora di gioco, poi, sul finire di secondo quarto, l'argine è tracimato ed il gap si è allargato fino a -17, diventato -15 (30-15) sulla sirena del primo tempo. 


Al rientro dagli spogliatoi la musica non è cambiata ed all'Amatori è toccato vestire ancora una volta i panni dell'inseguitrice, con risultati a dir poco alterni. Scauri ha scelto come filosofia di difendere pitturato e ferro sfidando apertamente a tirare da fuori i pescaresi che, data la giornata di scarsa mira, hanno faticato non poco ad aprire la “scatola” ed avere così tiri ad alta percentuale. Nonostante le conclusioni da tre punti sbagliate (la prima è andata a bersaglio al 27'), Pescara sul 43-31 ha avuto un paio di occasioni per accorciare le distanze e tornare sul -9, ma entrambe si sono spente sul ferro e l'Autosoft ne ha approfittato per portarsi sul +16 (47-31 al 30'), suggellando di fatto gara-1 e concedendosi un quarto periodo di pura passerella.
Nel bicchiere mezzo pieno resta comunque la prova difensiva che ha tenuto Scauri a 62 punti sul proprio parquet ed anche la consapevolezza che l'Amatori, anche sul campo dei laziali, vale molto di più di quei 45 punti messi a referto. Poi ci sono da considerare le condizioni del play pontino Leonardon, zoppicante fin dal riscaldamento ed uscito dolorante dopo appena 12', e la capacità di entrambi i coach di proporre varianti tattiche alle strategie viste in gara-1. Ora la contesa si sposta a Pescara dove giovedì 9 maggio alle 20.30 le due squadre si rincontreranno per giocarsi l'accesso alla semifinale o per pareggiare la sfida e rimandare tutto a gara 3.

AUTOSOFT SCAURI – AMATORI PALLAC. PESCARA 62-45 (15-5, 30-15, 47-31)
SCAURI: Lenardon, Pozzi 13, Iannone 9, Serino 13, Genovese 10, Lombardo 2, Torboli 9, Staffieri 4, Giammò 2, Pullazi. All. Padovano
PESCARA: Pepe 4, Di Carmine 4, Gilardi 5, Lagioia 3, Diener 8, Di Carmine A., Mlinar 12, Maino 7, Moré, Di Donato 2. All. Trullo
ARBITRI: Gaudino Luigi, Petrone Giuseppe
NOTE: 15/32 (S), 12/26 (P); T3: 5/25 (S), 3/30 (P); TL: 17/20 (S), 12/20 (P); Rimb. 35/5 (S), 25/9 (P); Val. 71 (S), 27 (P); Progr. 5' 5-2, 15' 20-19, 25' 41-27, 35' 51-38.