Rugby. L'Aquila crolla 67-3 a Rovigo e la classifica ora fa paura

Aquilani a soli 2 punti dall'ultimo posto

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

2438

Rugby. L'Aquila crolla 67-3 a Rovigo e la classifica ora fa paura




L'AQUILA. L’'Aquila arriva a Rovigo con propositi bellicosi che rimangono però solo sulla carta. Un Rovigo ordinato, che continua a mettere in campo tanti Under 23 assieme a pochi giocatori di esperienza, non ha incontrato difficoltà a rompere la difesa avversaria ed a mettere a segno un numero di mete (10 in tutto) pari a quasi la metà di quelle messe a segno nei precedenti diciannove incontri.
L’'equilibrio raggiunto in mischia con la presenza del pilone destro Rayno Gerber (in campo per 37’) non spiega da solo la buona prova complessiva della squadra.
Edo Lubian si è meritato il premio come man of the match grazie alla capacità di verticalizzare il gioco ed alle due mete segnate a suggello di una prestazione ricca di aggressività e presenza fisica.
Comincia a diventare interessante il reparto di terza linea rossoblù che, oltre al citato Lubian, può contare su un Folla sempre più a suo agio in Eccellenza e su un Andrea De Marchi che completa il trio con una fisicità esplosiva.
Peccato per l’infortunio che ne ha determinato l’uscita anzitempo nella giornata in cui i compagni l’hanno individuato come miglior giocatore dei bersaglieri di questo campionato.
Il futuro rossoblù potrà contare anche sull’assente Ferro e su un Cecchetti che comincia a raccogliere i frutti del lavoro svolto.
Buona la prova anche di Peter Pavanello che ha saputo resistere al ritorno di un avversario che non è riuscito a togliergli la gioia della meta.
Altri sarebbero da elogiare, ma il pensiero va al Calvisano che la prossima settimana scenderà al Battaglini alla ricerca di una importante vittoria.
Sarà interessante vedere come i nostri giovani sapranno aggredire i campioni d’Italia in carica.

TABELLINO
MARCATORI: p.t. 5’ meta Bacchetti tr. Basson (Vea Femi Cz Rovigo) (7 – 0); 7’ cp Falsaperla L. (L’Aquila Rugby) (7 – 3); 13’ cp. Basson (Vea Femi Cz Rovigo) (10 – 3); 25’ meta Lubian E. tr. Basson (Vea Femi Cz Rovigo) (17 – 3); 25’ meta Lubian E. tr. Basson (Vea Femi Cz Rovigo) (17 – 3); 25’ meta Lubian E. (Vea Femi Cz Rovigo) (22 – 3).
s.t. 47’ meta Van Niekerk tr. Basson (Vea Femi Cz Rovigo) (29 – 3); 54’ meta Jones tr. Basson (Vea Femi Cz Rovigo) (36 – 3); 58’ meta Folla tr. Basson (Vea Femi Cz Rovigo) (43 – 3); 62’ meta Basson (Vea Femi Cz Rovigo) (48 – 3); 70’ meta Van Niekerk tr. Basson (Vea Femi Cz Rovigo) (55 – 3); 72’ meta Pavanello (Vea Femi Cz Rovigo) (60 – 3); 80’ meta Duca tr. Basson (Vea Femi Cz Rovigo) (67 – 3).
VEA-FEMICZ ROVIGO DELTA: Basson; Pedrazzi, Menon (46’ Pavanello), Van Niekerk, Bacchetti (63‘Zorzi); Duca, Zanirato (60’ Wilson M.); De Marchi (18’ Persico), Folla, Lubian E. (46’ Cecchetti F.); Maran, Jones; Gerber (37’ Quaglio) (58‘ Datola), Mahoney (cap.) (54’ Gatto), Lombardi. All. Roux
L'AQUILA RUGBY: Palmisano; Sebastiani (46’ Cecchetti M.), Falsaperla M., Lorenzetti (38’ Del Pinto), Paolucci; Falsaperla L., Santavicca (63’ Callori Di Vignale); Cialone (c), Turner (68’ Fiore), Di Cicco; Vaggi, Wilson R. (60’ Lofrese); Cafaro (75’ Bord onaro), Subrizi (72’ Di Roberto), Milani (56’ Cocchiaro). All. Lorenzetti
ARBITRO: Rizzo (Ferrara)
GIUDICI DI LINEA: Navarra (Udine), Valbusa (Treviso)
quarto uomo: Sibillin (Treviso)
Man of the match: Edoardo Lubian (Vea Femi-CZ Rovigo)
Calciatori: Basson (Vea Femi-CZ Rovigo) c.p. 1/1, tr. 7/10; Falsaperla L. (L’Aquila Rugby) c.p. 1/1.
Note: giornata di pioggia leggera, ma insistente, campo comunque in buone condizioni.
Spettatori 600 circa.
Punti conquistati in classifica: Vea Femi-CZ Rovigo Delta 5 – L’Aquila Rugby 0