Calcio a 5. Chiude in bellezza la stagione del Cus Chieti

Di Muzio ha raggiunto quota 401 gol

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1240

Calcio a 5. Chiude in bellezza la stagione del Cus Chieti




CHIETI. Chiude in bellezza l’annata il Cus Chieti Calcio a 5, dopo l’ultima vittoria di sabato contro la Fuente Foggia. La salvezza era l’obiettivo di inizio stagione e tale è stata, dopo un campionato che all’inizio non sembrava dei più esaltanti. Nel girone di ritorno è venuta fuori la squadra del presidente e trainer Mario Di Marco, con tanti risultati ottimi e soprattutto qualche rammarico, viste le prestazioni espresse dalla squadra. Il bilancio della stagione è affidato a uno degli uomini di esperienza del team nero-verde; il bomber Fabiano Di Muzio. Il numero nove cussino chiude la stagione con 24 reti e il quinto posto in una classifica marcatori stracolma sempre più di italo-brasiliani. Di Muzio è il primo degli italiani e con le sue 24 realizzazioni raggiunge quota 401 in carriera. Un traguardo non da poco per il trentaseienne pivot nero-verde: ”Sono veramente contento per come è andata a finire questa stagione. Dopo una partenza a rallentatore, nel girone di ritorno abbiamo dimostrato a tutti cosa eravamo capaci di fare. L’arrivo di Tiago e Corregiari a dicembre è stato da sprone per i tanti giovani presenti in squadra, che sul piano mentale non erano molto fermi. L’arrivo di due giocatori di esperienza ha fatto si che, anche loro potessero giocare più tranquilli e liberi mentalmente. Poi ovviamente si è creato un gran bel gruppo da dove si può ripartire tranquillamente la prossima stagione.” Sul piano personale Di Muzio si esprime così: “Ad inizio anno, complice anche il nostro avvio un po’ altalenante e un girone durissimo, non riuscivo bene ad inserirmi nella modalità di gioco 


del mister. Poi con il passare dei giorni sono entrato in forma e a 36 anni posso ritenermi veramente soddisfatto, per ciò che ho fatto. La cosa che mi inorgoglisce è il fatto di essermi integrato benissimo in una nuova modalità di gioco, molto dispendiosa perché si corre il doppio. Tutto è andato per il verso giusto e mi sento veramente al top.” Un altro traguardo per il bomber nero-verde sono i 401 gol segnati in carriera: “Sinceramente qualche giorno fa mi son messo a rovistare nei vecchi almanacchi ed ho notato di aver raggiunto quota 400. Sabato con il gol del pareggio ho incrementato la cifra; è veramente un grande traguardo e spero di poterlo incrementare ancora di tanto. Nella mia carriera ho fatto 15 campionati tra serie A1 e A2; le prime reti le ho realizzate con la maglia del Pescara (circa 120/130), il resto tutte con la squadra della mia città. Sicuramente arrivare a queste cifre alla mia età, con tanta concorrenza più giovane mi inorgoglisce ancora di più. Vorrei ancora dare tanto a questa squadra ma soprattutto a questo sport che al giorno d’oggi investe sempre meno sui nostri giovani locali. Qui da noi lo stiamo facendo già da qualche stagione e pian piano i frutti si stanno vedendo.” A proposito di giovani un plauso, il bomber cussino lo fa anche ai ragazzi dell’under 21 allenati dal collega e capitano Francesco Cornacchia:” Francesco con l’under 21 sta facendo un grandissimo lavoro; dopo aver chiuso la stagione al terzo posto, ora si trovano ad affrontare la Cogianco Genzano per i sedicesimi scudetto, dopo aver battuto Daf e Acqua e Sapone. La squadra è formata da molti giovani interessanti che fanno anche parte in pianta stabile della prima squadra. Anche questo è un nostro punto fermo da dove ripartire, come nel settore giovanile. Quest’anno come avviamento alla scuola calcio a 5, abbiamo avuto 75 tesserati, che per noi è stato una grandissimo traguardo, visto che abbiamo iniziato due stagioni fa, a fare la scuola calcio a 5.”