Vasto Basket. Mister Di Salvatore prova la tripla: «proviamoci per il secondo posto»

Domenica arriva l'Airola. Il tecnico: «abbiamo bisogno del nostro pubblico»

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1428

Vasto Basket. Mister Di Salvatore prova la tripla: «proviamoci per il secondo posto»






VASTO. La sconfitta di domenica sul campo del Maddaloni ha complicato e non di poco la strada del Vasto Basket verso la conquista del secondo posto in classifica. Piazzamento che varrebbe tantissimo in ottica play-off. Fortunatamente gli abruzzesi, pur appaiati in graduatoria a Maddaloni e Benevento, hanno mantenuto il prezioso secondo posto per differenza canestri. La griglia play-off dunque con ogni probabilità sarà in dubbio fino al suono della sirena dell'ultima gara, che per uno scherzo del destino vedrà di fronte il Vasto al Benevento. Prima dei campani però ci sono altre 2 partite. La prima domenica con l'Airola e per il Vasto è assolutamente vietato sbagliare come ammette il tecnico Sandro Di Salvatore: «tutto si giocherà fino all'ultima giornata, ma ora siamo già concentrati alla gara di domenica. Dobbiamo cercare di fare bottino pieno nonostante l'Airola sia una squadra molto buona che ha soltanto 4 punti di meno. Loro verranno qui per giocarsi una migliore posizione ai play-off e sono in piena forma e reduci da una buona striscia di risultati».
La squadra è reduce dal ko contro una diretta concorrente per i play-off, il Maddaloni: «quando si perde non è mai bello, anche quando si gioca bene. Abbiamo fatto una partita da grande squadra giocando su un campo molto difficile. Il Maddaloni non ha mai perso in casa e siamo andati vicino all'impresa. Siamo usciti dal campo tra gli applausi e se avessimo vinto avremmo ipotecato il secondo posto, peccato».
«L'obbiettivo secondo posto resta nonostante la sconfitta» – prosegue Di Salvatore – «ma sicuramente si è complicato perché loro ci hanno aspettato e purtroppo hanno avuto la meglio nonostante una buona gara da parte nostra. Ora siamo in 3 a 32 punti, ma fortunatamente abbiamo mantenuto a nostro favore la differenza canestri. Mancano 3 partite alla fine del campionato e per noi sono tutte finali da non sbagliare».
Il calendario però non è alleato dei vastesi: «saranno 3 gare difficilissime. Dopo l'Airola affrontiamo il Barletta che è in lotta per la salvezza, mentre all'ultima c'è la sfida col Benevento che deciderà tutto. Noi non possiamo permetterci passi falsi soprattutto in casa».

BILANCIO POSITIVO
Comunque andrà a finire, questo campionato verrà ricordato come uno dei migliori della storia del basket a Vasto. Partecipando da neopromossa, infatti, neanche il più ottimista alla vigilia del torneo avrebbe immaginato che i vastesi sarebbero stati in corsa fino all'ultimo per il secondo posto: «è chiaro che in questo momento c'è un po' di rammarico per la sconfitta di domenica e per il secondo posto che si è complicato, ma è chiaro che noi ad inizio campionato non eravamo partiti con questi obbiettivi. Ora siamo qui ed è giusto provarci fino alla fine. Certo qualche mese fa nessuno si sarebbe immaginato di potersi giocare il secondo posto a 3 giornate dalla fine».
«Il bilancio è nettamente positivo» – prosegue il tecnico del Vasto – «e bisogna dare merito alla società, ai ragazzi ed a tutti i collaboratori. Ora abbiamo il dovere di giocarci la promozione fino in fondo, poi se non dovesse arrivare non dobbiamo rimanere delusi».

ABBIAMO BISOGNO DEL NOSTRO PUBBLICO
Con un gran seguito ad ogni partita interna, circa mille spettatori, il pubblico di Vasto può essere davvero l'arma in più in questo finale di stagione: «sono molto contento del seguito che c'è a Vasto. Mi auguro, ma sono sicuro, che il pubblico sarà numeroso già da domenica e ci darà una mano importante per dare il massimo. Il grande tifo che abbiamo ci costringe a stare sempre concentrati ed il fattore campo per noi si è sempre dimostrato il sesto uomo in campo».
«Ringrazio la gente che segue la squadra» – chiude Sandro Di Salvatore – «ed abbiamo bisogno del loro calore. Devono starci vicini perché ora abbiamo veramente bisogno di loro».

Andrea Sacchini