SERIE A

Delfino Pescara. Bucchi in vista della Juve pungola i suoi: «è un privilegio essere in A»

Domani alle 18,00 i biancazzurri nella tana della Juventus

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1306

bucchi




PESCARA. Limitare i danni. Sarà questa con ogni probabilità la parola d'ordine in casa Pescara in vista del match quasi impossibile di domani pomeriggio nella casa della Juventus. I biancazzurri, fiaccati nel morale e nello spirito e sommersi dalle polemiche, sono a caccia, più che di punti salvezza, di una prova d'orgoglio capace di riscattare un'annata completamente disastrosa.
«Non siamo in un periodo di forma smagliante» – racconta Bucchi – «ma ho detto ai miei giocatori di dare il massimo. Ho visto bene i ragazzi in settimana, ora voglio vedere la partita che faremo. Voglio vedere gente che ha voglia di sacrificarsi perché la Serie A merita di essere giocata sempre al massimo. Mi aspetto una reazione importante dopo la brutta partita di Parma».
È impossibile non avere stimoli quando si affronta la Juventus nel suo stadio: «mi sento un privilegiato ad allenare in Serie A, in uno dei campionati più importanti al mondo. È impossibile non avere stimoli quando si gioca contro la Juventus e questo vale anche per i giocatori. Calciatori che certamente vorranno fare altri campionati in A e vorranno mettersi in mostra. Tutti dobbiamo lavorare per mantenere la categoria o per essere riconfermati al Pescara».
«Non esiste che non si ha voglia di giocare con la Juventus o in Serie A» – prosegue il tecnico del Pescara – «ho visto la squadra bene e mi aspetto una prova di carattere».

GIOCANO QUINTERO, RIZZO E CAPRARI
Sulle formazioni: «a Juventus giocherà quasi certamente col 3-5-2, è una squadra compatta ed omogenea ma anche molto propositiva. Meritano la posizione che occupano. Noi giocheremo con un 4-2-3-1. Non ci sarà il regista e giocheranno Rizzo e Togni davanti la difesa con Caprari e Sculli sugli esterni. Quintero dall'inizio farà il trequartista. In difesa scelte quasi fatte con Kroldrup, Capuano e Modesto. Non andremo a Torino aspettando di essere colpiti, dobbiamo essere bravi noi a fare la partita perfetta, fermo restando che la Juve non dovrà fare la partita migliore».
«Mi aspetto molto da Quintero» – va avanti Bucchi – «è un giocatore importante quando fa le cose che sa fare. Per giocare in A serve carattere ed io l'ho visto molto bene in allenamento. È motivato ed è uno di quei giocatori che ha tutti gli stimoli del mondo nello scendere in campo contro la Juventus».
La Juve mercoledì affronterà il ritorno di Champions dopo lo 0-2 dell'andata: «tanti di quelli che giocheranno sabato vorranno fare di tutto per esserci nella gara di ritorno contro il Bayern Monaco. Noi andiamo a Torino non per limitare i danni».
«Noi non è vero che non abbiamo nulla da perdere» – chiude Bucchi – «siamo ultimi ed abbiamo sempre una dignità da difendere».

PROBABILI FORMAZIONI
JUVENTUS (3-5-2): Buffon; Bonucci, Marrone, Peluso; Lichtseiner, Vidal, Pirlo, Pogba, Asamoah; Matri, Vucinic. A disposizione: Storari, Rubinho, De Ceglie, Padoin, Marchisio, Giaccherini, Anelka, Giovinco, Quagliarella. Allenatore: Conte.
PESCARA (4-2-3-1): Pelizzoli; Zanon, Kroldrup, Capuano, Modesto; Rizzo, Togni; Caprari, Sculli, Quintero; Sforzini. A disposizione: Perin, Falso, Bianchi Arce, Vittiglio, Bjarnason, Blasi, Cascione, Di Francesco, Blasi, Abbruscato, Caraglio. Allenatore: Bucchi-Nobili.
ARBITRO: Peruzzo della sezione di Schio. Fischio d'inizio sabato 6 aprile alle ore 18,00.

Andrea Sacchini