CALCIO

Delfino Pescara. Si pensa al nuovo DS ed allenatore. Sabato torna la Serie A

Modesto affronta la sua ex squadra: «Parma ricca di qualità in attacco»

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

2375

Delfino Pescara. Si pensa al nuovo DS ed allenatore. Sabato torna la Serie A

Delli Carri






PESCARA. Negli ultimi giorni a tenere banco in casa Pescara sono soprattutto i discorsi legati al futuro, con il possibile nuovo allenatore e Direttore Sportivo per la prossima stagione che hanno calamitato l'attenzione della proprietà biancazzurra. Come ammesso dallo stesso patron Daniele Sebastiani qualche giorno fa, il futuro di Daniele Delli Carri sembra ormai segnato nonostante un contratto fino a giugno 2014. Per la successione i nomi (i soliti, ndr) sono quelli di Sensibile, Lupo e Guglielmo Acri, che già collabora col club adriatico da diversi mesi e potrebbe essere addirittura promosso DS la stagione ventura.
Per Bucchi invece, che comunque ha dato una scossa alla squadra nonostante i risultati in linea con la precedente gestione Bergodi, il discorso è diverso. L'ex tecnico della Primavera ha ben impressionato la dirigenza ma difficilmente resterà al suo posto l'anno prossimo. I contatti con De Canio malgrado le smentite di sorta sembrano già ben avviati. Fermo restando che il sogno di Sebastiani resta il ritorno di Zeman, che però avrà in essere un contratto onerosissimo con la Roma per se e per i suoi collaboratori fino a giugno 2014.

MODESTO TORNA A PARMA DA EX
In un clima di rinnovamento almeno nelle intenzioni, la squadra prepara la ripresa del campionato di sabato a Parma. Il turno pre-pasquale potrebbe regalare al tecnico Bucchi il recupero di diversi giocatori importanti: su tutti Sculli, Sforzini, Modesto e forse Zauri e Weiss. Proprio per Modesto, che ha militato nel Parma per una stagione e mezza da gennaio 2011 ad agosto 2012, sarà una gara particolare: «tornare nello stadio dove ho giocato fa una certa impressione. Sarò emozionato nel rivedere i miei ex compagni di squadra ma ora penso al Pescara».
«Loro sono una bella squadra che sa giocare a calcio» – prosegue Modesto – «ed è piena di grandi qualità soprattutto in attacco. Conosco molti giocatori del Parma ed ogni anno raggiungono sempre il loro obbiettivo. Vengono da un girone di ritorno non esaltante ma restano pur sempre una squadra ricca di ottimi giocatori».
Sulla settimana di sosta: «ci siamo allenati duramente per aumentare la condizione fisica. Io sono pronto, vediamo alla fine di questa settimana quali saranno le mie condizioni. Abbiamo lavorato il giusto per mantenere alta la condizione. Non ho visto una squadra ferma sulla gambe e comunque il tutto non deriva da un fatto fisico».
Dopo un girone di andata positivo almeno punti alla mano, il Pescara è crollato alla lunga: «fino alla partita vinta con la Fiorentina avevamo fatto un ottimo girone di andata. C'era però scetticismo da parte di tutti, poi sono subentrate difficoltà che ci possono stare nell'arco di una stagione. Nel calcio non si guarda più indietro ma si deve guardare avanti. Reagire non è facile quando si viene da 7-8 sconfitte quasi consecutive. È il risultato positivo di una partita che può farti scattare qualcosa anche nella mente e vedere in un'altra ottica le restanti gare».
«Le speranze di salvezza ci sono ancora» – prosegue Modesto – «e bisogna onorare la maglia ed essere consapevoli che non siamo più scarsi degli altri. Abbiamo avuto un rendimento troppo altalenante ed anche io non ho giocato a buoni livelli sempre. D'altronde quando la squadra non gira, è anche il singolo a risentirne».
Modesto è in prestito secco al Pescara ed è ancora legato al Parma per un altra stagione: «ora sono qui ma non so nulla sul futuro perché ho un altro anno di contratto col Parma».
La squadra proseguirà gli allenamenti al Centro Vestina di Montesilvano fino a giovedì, quando partirà alla volta di Parma in vista del match di sabato con fischio d'inizio alle ore 15,00.
Andrea Sacchini