Basket. Trasferta amara per l'Amatori Pescara che cede 68-61 a Scauri

Ko nonostante una buona prova caratteriale del quintetto pescarese

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1016

Basket. Trasferta amara per l'Amatori Pescara che cede 68-61 a Scauri




SCAURI. Nella seconda trasferta in fila dopo quella di lunedì scorso a Martina Franca, l'Amatori Pescara scende a Scauri per cercare la quinta vittoria nel girone di ritorno e invertire così la rotta lontano dalle mura amiche. Di fronte una squadra che da poco ha cambiato guida tecnica e che vuole acciuffare proprio i pescaresi, distanti solo due punti, magari ribaltando anche la differenza canestri. Quello che ne viene fuori è una partita particolarmente agonistica ed a basso punteggio nonostante di fronte ci siano due tra gli attacchi più prolifici dell'intero campionato, decisa sul finale da una manciata di punti a favore, ovviamente, della squadra che alla fine sbaglia di meno.
La posta in palio è dunque di quelle importanti e la tensione bagna le polveri delle due squadre che in avvio di partita sparano a salve. La prima ritrova la mira è Pescara che a metà primo quarto si porta sul 5 a 13, inducendo il coach dei padroni di casa a chiamare un primo timeout. La pausa non sortisce immediatamente gli effetti sperati da Scauri e l'Amatori all'ottavo scappa sul +12 (5-17). Il finale tuttavia è nel segno dell'Autosoft che chiude il quarto con una tripla che vale il 13-18. Nel secondo la reazione dei padroni di casa li riporta ad un possesso di distanza dai biancorossi (18-21 al 12'), ma due canestri firmati da Lagioia (12 punti in 20') e Di Carmine (8 e 4/5 dal campo nel primo tempo) ricacciano indietro gli avversari e consentono ai pescaresi di controllare fino al 34 a 38 con cui le squadre vanno a riposo.
Quattro punti sono un divario molto esiguo con ancora 20' da giocare e dunque il finale della partita è ancora molto lontano dall'essere scritto, tanto più che al 24' Scauri acciuffa gli ospiti pareggiando a quota 42. Il terzo quarto dunque va via tra continui batti e ribatti ed al suono della sirena del 30' il tabellone recita: Scauri 48, Pescara 50. Due punti di distanza immediatamente cancellati da un break dell'Autosoft che dopo neanche un minuto di gioco del quarto quarto con due triple consecutive mette la testa avanti per la prima volta nel match. L'Amatori però non ci sta e reagisce prontamente con un controparziale di 2-8 marchiato da Maino e Mlinar: al 34' il punteggio è 54 a 58 per gli abruzzesi. I ragazzi di coach Trullo tuttavia non riescono a mantenere la rotta imboccata, litigano con il canestro sbagliando le ultime sette conclusioni dal campo e scivolano su un 10-0 che a 3' dalla fine li riporta a rincorre partendo dal 64-58. È lo strappo decisivo che Pescara non riesce più a ricucire e Scauri chiude sul 68-61, beffando proprio sul finale gli ospiti che avevano fatto gara di testa per quasi tutti i 40'.
Una sconfitta amara, resa ancor più dolorosa perché arrivata dopo una bella prova di carattere contro una diretta concorrente che ora raggiunge l'Amatori in classifica a quota 28 punti, anche se la differenza canestri è ancora a favore dei pescaresi che all'andata s'imposero 81 a 70. Con gli stessi punti anche la Francavilla Fontana dell'ex Comignani che ha battuto Martina Franca e che domenica prossima verrà al PalaElettra per giocarsi le chance di scalare posizioni a discapito dei biancorossi. Inizio come sempre alle ore 18.
*** STATISTICHE