SERIE A

Delfino Pescara. Giuseppe Rizzo punta il Palermo: «non possiamo più sbagliare»

Il centrocampista del Pescara guarda già alla prossima gara

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1964

Delfino Pescara. Giuseppe Rizzo punta il Palermo: «non possiamo più sbagliare»



PESCARA. «Palermo e Cagliari rappresentano 2 tappe decisive della stagione biancazzurra». Virgolettato non di un critico qualsiasi ma del tecnico del Pescara, Cristiano Bergodi, che ieri nella consueta conferenza stampa del martedì ha sottolineato l'importanza per la classifica e per il morale delle prossime 2 partite dei biancazzurri. Con i siciliani in particolare la posta in palio è altissima, con il Palermo che in caso di sconfitta verrebbe quasi tagliato fuori dalla lotta salvezza. Nella sfortunata eventualità di una vittoria, i rosanero invece tornerebbero a sperare ad una salvezza che al momento per entrambe le squadre appare difficile. È vero che il campionato è ancora lungo, ma le giornate fin qui disputate hanno messo in chiaro risalto i limiti di entrambe le squadre. I biancazzurri, troppo fragili in difesa e poco incisivi in attacco, nonostante le evidenti difficoltà sono a caccia di 3 punti in campionato che mancano oramai da più di un mese, come ammette Giuseppe Rizzo: «ci serve un buon risultato. Stiamo lavorando duramente e siamo concentrati al punto giusto per domenica. Dobbiamo lottare su ogni pallone e prendere questi 3 punti che sarebbero fondamentali per il nostro campionato. Dobbiamo credere in noi stessi, possiamo fare risultati ovunque».
Per lui, esordiente in serie A, sarà comunque una stagione da ricordare: «è un sogno giocare in serie A in una piazza calda come Pescara. Ora pensiamo al Palermo, li ho affrontati una volta in Coppa Italia con la Reggina. Esordire dal primo minuto domenica è stato emozionante. Con questa squadra mi trovo bene ed il modulo è indifferente, basta dare una mano importante al gruppo».
«Siamo un bel gruppo ed una bella squadra» – prosegue Rizzo – «Weiss è un gran bel giocatore che potrà essere importante per il futuro. Come obiettivo personale voglio prima la salvezza del Pescara, poi vedremo».
Dopo le sconfitte pesanti con Torino, Sampdoria e Bologna, tutte dirette concorrenti alla permanenza in serie A, Palermo e Cagliari come ammesso da Bergodi saranno fondamentali nel cammino degli adriatici. Dello stesso avviso il centrocampista ex Reggina: «non possiamo più sbagliare, è giunto il momento di aggiungere punti importanti alla classifica».
Chiara in certi frangenti della gara un'impressione quasi di impotenza, che denota limiti caratteriali o più semplicemente tecnici: «siamo entrati nella ripresa un po' molli e non siamo stati compatti come nei primi 45 minuti di gioco». 


Andrea Sacchini