SERIE A

Delfino Pescara. Il tecnico Bergodi parla del mercato: «si poteva fare di più soprattutto in difesa»

Domani il Bologna. Presentati Sculli, Zauri e Sforzini: «qui con grandi motivazioni»

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1233

Delfino Pescara. Il tecnico Bergodi parla del mercato: «si poteva fare di più soprattutto in difesa»


COLLI DEL TRONTO. Chiuso il mercato con giudizi contrastanti sull'effettiva qualità dei colpi portati a termine nell'ultimo giorno utile per le operazioni, il Pescara di Bergodi si rituffa nel campionato. Domani all'Adriatico, calcio d'inizio ore 15,00, arriva il Bologna altra pretendente alla permanenza in serie A.
Sarà un banco di prova fondamentale per i biancazzurri, che dovranno dimostrare in 90 minuti di aver ritrovato lo smalto e la brillantezza inspiegabilmente perdute dopo il grande successo di qualche settimana fa a Firenze. La squadra svuotata mentalmente e fisicamente vista a Genova per forza di cose è chiamata ad un cambio di rotta deciso.
Dal ritiro in terra marchigiana, dopo un silenzio stampa durato quasi una settimana, è tornato a parlare il tecnico Cristiano Bergodi, che ha presentato le insidie della partita col Bologna: «è una partita importante ma non decisiva. Non sono preoccupato ho grande fiducia nei miei ragazzi. Loro sono una squadra molto quadrata che ha grandi qualità in attacco ed in difesa giocano attenti e corti. Ho parlato con i miei giocatori ed ho cercato di far capire l'importanza della posta in palio.
«Capisco che c'è pessimismo» – va avanti Bergodi – «ma sappiamo che un risultato positivo può cambiare tutto. Questo è un momento difficile, rimango ottimista e la squadra ha tutte le carte in regola per reagire».
Stato d'animo ovviamente non dei migliori del tecnico biancazzurro che però smentisce: «io mi sento bene. Devo solo capire l'involuzione della squadra delle ultime settimane. Ancora non me lo spiego a pieno ma non si tratta di limiti psicologici o fisici, è stato un qualcosa di accidentale».
Poche le novità di formazione rispetto le ultime uscite, verranno utilizzati soprattutto i giocatori già presenti in rosa prima del 31 gennaio: «sono arrivati giocatori tranne Sforzini che non sono ancora pronti per giocare dal primo minuto. Sculli è un buon giocatore ma come Zauri è un po' di tempo che non gioca quindi dovranno recuperare la condizione fisica. A livello tecnico nulla da dire, devono solo allenarsi per recuperare il terreno perso in questi mesi».
Sul mercato un giudizio piuttosto eloquente: «si poteva fare qualcosa di più soprattutto in difesa, siamo carenti a livello numerico. Ho fiducia però nei ragazzi attualmente a disposizione. Non voglio ad ogni modo dire che la campagna acquisti non sia stata soddisfacente. Forse bisognava sostituire Terlizzi che è partito ed ha lasciato un buco in mezzo. Ad ogni modo i giocatori che ho a disposizione bastano per la salvezza».
«Ad ogni modo il mercato ha offerto questo» – prosegue il tecnico del Pescara – «e prendo questi nuovi acquisti con soddisfazione. Il caso Terlizzi? Non è stato lui il capro espiatorio del disastro di Genova ma abbiamo preso una decisione di comune accordo con la società».
Sulla formazione anti-Bologna: «non voglio dire nulla, ho provato in questa settimana diverse soluzioni ed ho valutato se fosse il caso di cambiare. Domani si vedrà, non si tratta di pretattica ma non voglio dare nessun vantaggio agli avversari».

LA PRESENTAZIONE DI SFORZINI, SCULLI E ZAURI
Sforzini, grande esperienza in serie B, è arrivato dal Grosseto e con ogni probabilità sarà il centravanti titolare da qui fino a fine stagione: «dopo tanti anni di sacrifici spero di essere utile alla causa. Ringrazio chi ha puntato su di me, è una chance importante e non voglio affatto sprecarla senza lottare. Ho grandissime motivazioni».
Il secondo acquisto delle ultime 24 ore di mercato è stato Giuseppe Sculli. Elemento di grande qualità che non gioca gare ufficiali da oltre 8 mesi: «volevo fortemente venire a Pescara per tornare a giocare. A parole siamo bravi tutti ma ora è il tempo dei fatti, dobbiamo lavorare. È da maggio scorso che non gioco e ho bisogno di ritrovare la condizione giusta. Voglio dare il mio contributo fattivo alla salvezza».
Luciano Zauri è il jolly difensivo arrivato dalla Lazio: «sono qui con grandi motivazioni. Sono in ritardo di condizione ma mi sono sempre allenato quindi sono già a disposizione. Sono felice ed essendo abruzzese per me è un onore giocare con questa maglia».
Il patron Daniele Sebastiani sui 3 nuovi arrivi: «non hanno bisogno di presentazioni. Sono acquisti validi che hanno fatto vedere il loro valore negli anni passati. Hanno accettato la nostra destinazione e sono venuti con grande entusiasmo. Li abbiamo fortemente voluti e ci daranno una mano importante per raggiungere la salvezza».

PROBABILI FORMAZIONI
PESCARA (4-3-1-2): Perin; Balzano, Capuano, Bianchi Arce, Modesto; Rizzo, D'Agostino, Bjarnason; Weiss; Sforzini, Celik. A disposizione: Pelizzoli, Cosic, Zauri, Bocchetti, Zanon, Blasi, Sculli, Togni, Caprari, Abbruscato, Vukusic, Caraglio. Allenatore: Bergodi.
BOLOGNA (3-4-2-1): Agliardi; Sorensen, Antonsson, Cherubin; Motta, Taider, Perez, Morleo; Kone, Diamanti; Gilardino. A disposizione: Curci, Stojanovic, Carvalho, Abero, Garics, Pazienza, Krhin, Guarente, Christodoulopoulos, Pasquato, Moscardelli. Allenatore: Pioli.

Andrea Sacchini