SERIE A

Delfino Pescara. Sebastiani sui nuovi acquisti: «serve gente motivata per la salvezza»

Caraglio e Rizzo si presentano: pronti a dare una mano importante alla squadra

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1266

Delfino Pescara. Sebastiani sui nuovi acquisti: «serve gente motivata per la salvezza»


PESCARA. I biancazzurri proseguono gli allenamenti in vista della partita di domenica a Marassi contro la Sampdoria. Con ogni probabilità, più per necessità che per scelta tecnica, la formazione che sceglierà Bergodi si discosterà e parecchio dalle ultime 2 che hanno affrontato in serie Inter e Torino. Scontato l'esordio di D'Agostino davanti la difesa, appare al momento molto probabile anche l'impiego di Caraglio con Bjarnason trequartista. In difesa, vista l'indisponibilità di Modesto, spazio a Balzano ed uno tra Zanon e Bocchetti.
Oggi pomeriggio prima della consueta seduta pomeridiana del venerdì sono stati presentati alla stampa i nuovi acquisti Milton Caraglio e Giuseppe Rizzo. Il primo, centravanti d'area di rigore, è stato lungamente inseguito dal Catania ma ha scelto alla fine Pescara forse per un discorso di titolarità vista la presenza di elementi del calibro di Bergessio alle pendici dell'Etna. Rizzo invece, mediano classe 1991, è arrivato in riva all'Adriatico dalla Reggina in cambio di Colucci. Dotato di buona corsa e tecnica, più che un rinforzo per la stagione in corso rappresenta un discreto investimento in ottica futura.
Soddisfatto per le 2 operazioni concluse il patron Daniele Sebastiani: «per salvarci serve gente motivata. Questi ragazzi giovani hanno tutte le carte in regola per fare bene tecnicamente e caratterialmente».
«Ora pensiamo alla partita col la Sampdoria» – prosegue Sebastiani – «anche se abbiamo dimostrato domenica col Torino, nonostante la sconfitta, di avere una buona condizione fisica correndo per tutti i novanta minuti di gioco».

CARAGLIO E RIZZO

«Il primo impatto è stato positivo» – racconta Caraglio – «è un buon gruppo e sono già pronto per la prossima gara. Tra le mie qualità ci sono il mantenimento del pallone ed il tiro da fuori casa. Sto bene fisicamente e mi sono allenato molto in queste settimane».
«È un bel campionato quello italiano e sono pronto a questa nuova sfida» – prosegue il nuovo centravanti biancazzurro – «non c'è un giocatore a cui mi ispiro in particolare, cerco di prendere il meglio da molti».
Tra le motivazioni della scelta di Pescara: «è una bella città e la gente è amabile. Farò il meglio possibile con entusiasmo ed impegno. Ho conosciuto i compagni e sono un buon gruppo. Ho ovviamente già parlato col mister Bergodi, ha le idee molto chiare ed è un ottimo allenatore».
Felice di essere a Pescara anche l'altro neo-acquisto degli ultimi giorni, Giuseppe Rizzo: «sono un lottatore e mi batto su ogni pallone. Mi ispiro a Gattuso, a Reggio Calabria mi hanno sempre soprannominato il piccolo Gattuso. Sono contentissimo di essere qua anche se è la mia prima esperienza lontano da casa. Mi piace la gente passionale e Pescara è la piazza adatta».
«Mi impegno ad ogni allenamento» – chiude Rizzo – «e se non dovessi giocare questi primi mesi è tutto normale, sono giovane e devo soltanto pensare a crescere ed a farmi trovare pronto quando il mister avrà bisogno di me».
Poche novità infine sul fronte mercato, con i soliti nomi di Daprelà per la difesa e Kozak per l'attacco, con l'ultimo di difficile realizzazione.

Andrea Sacchini