CALCIO

Virtus Lanciano. Gautieri dopo il primo successo al Biondi: «vincere aiuta a vincere»

I frentani preparano l'ultimo match dell'anno il 30 in casa col Padova

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1387

Virtus Lanciano. Gautieri dopo il primo successo al Biondi: «vincere aiuta a vincere»

LANCIANO. Il Lanciano continua gli allenamenti in vista del secondo match consecutivo al Biondi il 30 dicembre contro il Padova. La Virtus, reduce dal primo successo interno ottenuto per 1-0 a spese del Novara, è in piena lotta per la salvezza diretta e con i biancorossi cerca altri 3 punti fondamentali per cambiare ulteriormente volto alla classifica.
«Sono soddisfatto della prestazione del Lanciano» – racconta il tecnico Carmine Gautieri – «anche se abbiamo costruito tante occasioni da gol che i nostri attaccanti non hanno capitalizzato. Nel secondo tempo, dopo aver gettato alle ortiche diverse buone chance, potevamo disunirci ed invece abbiamo concesso quasi nulla al Novara che è una grandissima squadra».
Il 30 col Padova sarà l'ultima gara di un anno fantastico per la Virtus, culminata a giugno con la storica promozione in serie B: «è stato un anno straordinario dopo aver ottenuto una storica promozione in serie B ed un campionato questo all'altezza delle aspettative. La vittoria col Novara testimonia che questa squadra lotterà fino alla fine per la salvezza».
«La nostra attenzione ora è tutta rivolta alla gara col Padova» – chiude Gautieri – «arriviamo alla partita con ottimismo e col morale alto. Vincere aiuta a vincere quindi cerchiamo continuità».
Il Padova è reduce dal deludente 0-0 ottenuto all'Euganeo contro la Ternana. I patavini, che hanno da poco cambiato allenatore, non hanno mai nascosto di voler puntare all'obiettivo play-off.
Per quanto riguarda il mercato, il Ds Leone continua a scandagliare il mercato alla ricerca di elementi validi soprattutto per il reparto avanzato. Nelle ultime ore si è fatto il nome di Vantaggiato (difficile per costo e concorrenza, ndr), che quest'anno non sta trovando adeguato spazio a Padova.

Andrea Sacchini