SERIE B

Virtus Lanciano. Gautieri alla ripresa: «a Sassuolo per fare la nostra partita senza paura»

I frentani dopo l'ennesimo pari interno preparano la trasferta “impossibile” con la capolista

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1524

Carmine Gautieri

Carmine Gautieri

LANCIANO. Ripresa degli allenamenti ieri per il Lanciano che prepara la proibitiva trasferta di domenica a Sassuolo.

I frentani, reduci dall'ennesimo pareggio sfortunato al Biondi contro lo Spezia, cercano in casa della capolista punti preziosi per la corsa alla salvezza. Sarà però una partita sulla carta impossibile contro la vera grande corazzata della categoria e candidata alla promozione diretta in serie A. L'undici di Gautieri però in trasferta ha più volte dimostrato di potersela giocare alla pari con tutte, difendendo con ordine e ripartendo con velocità. Non è un caso se la Virtus ha ottenuto le sue uniche 2 vittorie in campionato lontano dal Biondi, a Reggio Calabria ed a Vicenza.
Nell'allenamento di ieri ha lavorato a parte Falcone mentre non ha partecipato alla seduta Hottor, in permesso.
«Affrontiamo domenica la capolista» – racconta il tecnico Carmine Gautieri alla ripresa dei lavori – «e sulla carta sono la squadre più forte della categoria. Questo però non ci deve condizionare nella maniera più assoluta. Dobbiamo fare la nostra partita cercando di pensare che ogni avversario vale il massimo impegno e concentrazione. Il Lanciano gioca sempre al massimo che l'avversario si chiami Sassuolo o altro».
L'avversario è di caratura tecnica nettamente superiore, ma la Virtus ha tutte le carte in regola quantomeno per mettere in difficoltà in Sassuolo: «la gara per molti versi è simile a quella che abbiamo vinto l'anno scorso in semifinale play-off in Prima Divisione col Siracusa. Non eravamo favoriti ma con una grande prestazione siamo riusciti a vincere contro i pronostici. Lì giocammo la nostra partita con 3 attaccanti, segno che la nostra mentalità deve essere sempre la stessa».
«Non dobbiamo assolutamente avere paura» – conclude Gautieri – «ma dobbiamo portare rispetto a tutti gli avversari, a maggior ragione se ti chiami Sassuolo e se sei meritatamente il testa alla classifica. Tutte le partite sono difficili e dipendono soprattutto dall'approccio e dal modo in cui vengono affrontate».

Andrea Sacchini