CALCIO

Lega Pro; Gravina non ce la fa. Macalli rieletto «ma ora vado in procura»

Il presidente non festeggia

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

2321

Lega Pro; Gravina non ce la fa. Macalli rieletto «ma ora vado in procura»

FIRENZE.  Mario Macalli, al termine dell'assemblea delle società di Prima e Seconda Divisione, è stato riconfermato alla presidenza della Lega Pro.
Grazie ai 42 voti ottenuti contro i 26 conquistati dallo sfidante, il consigliere della Figc e capo delegazione della Nazionale Under 21 Gabriele Gravina. Una vittoria che però Macalli non festeggia. Il presidente é amareggiato per come si è svolta la campagna elettorale in generale, e per i temi trattati in queste settimana a iniziare dalla riforma del calcio in Italia, e minaccia di rivolgersi, adesso, alla Procura della Repubblica: «Ho vinto contro il Palazzo? Non faccio dietrologie o politiche strane. Non lo so, può darsi che sia stato così. Qualche segnale, parecchi, li abbiamo avuti. Adesso tutti fanno finta di dimenticare ma adesso andremo alla Procura della Repubblica per vedere cosa è successo - ha detto Mario Macalli a margine dell'assemblea delle società -. Veniamo fuori da un confronto che non condivido. I confronti li condivido e sono auspicabili, ma sono più auspicabili quando sono corretti. Esco da questa situazione molto amareggiato perché quando si arriva a toccare certi tasti e si arriva a certe conclusioni allora non c'é confronto».
La risposta dello sfidante Gabriele Gravina non si è fatta attendere: «Il presidente Macalli non può dire che ha vinto contro il Palazzo. Per lui ho speso parole di rispetto. Il palazzo non si è assolutamente schierato con Gravina. Sia il presidente Abete che altri non hanno chiamato una società - ha voluto ricordare Gravina -. Abete non ha preso parte a questa competizione per sua scelta e io non gliel'ho chiesto». Poi Gravina passa al contrattacco: «Piuttosto, sono io che mi devo lamentare. Uno contro tutti si gioca male, mi viene in mento uno spot pubblicitario 'ti piace vincere facile'. Gravina si è dovuto rimboccare le maniche, senza struttura. Bisogna avere la capacità di autosospendersi, non è giusto, non è corretto, non è equa la competizione dove si utilizza la struttura per fare campagna elettorale. A Mario Macalli faccio un in bocca al lupo e se avrà voglia di non disperdere il valore di queste 26 società che hanno scelto Gravina io sarò sempre a disposizione di questa Lega come ho sempre fatto».