Basket. La Penta Teramo cade 83-81 in casa con l'Isernia

Per i teramani battuta d'arresto dopo 5 vittorie consecutive

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1503

Basket. La Penta Teramo cade 83-81 in casa con l'Isernia

TERAMO. Dopo cinque vittorie consecutive il Penta Teramo è caduto tra le mura amiche del PalaScapriano contro un Globo Isernia che ha giocato una gara attenta dal punto di vista tattico. Il punteggio finale di 81-83 dà merito alla formazione ospite di aver cercato di imporre il proprio gioco fin dalla primissima azione, limitando al meglio il settore lunghi del Penta Teramo. Tra le fila biancorosse non sono bastati i venti punti di uno straordinario Ferri, sempre più una sicurezza, a rimettere in piedi la partita in una serata fortemente condizionata da una direzione di gara che è un eufemismo definire insufficiente. Più di un fischio ha letteralmente fatto infuriare gli spettatori presenti, in particolare due decisioni, costate al Penta quattro punti, hanno inciso non poco sull’andamento finale della gara: la prima, su una azioni offensiva di Lulli, gli arbitri fischiavano ma non fermavano il gioco con tutto il Penta fermo ad aspettare che l’arbitro segnalasse al tavolo il fallo ed Isernia che andava in contropiede. La seconda, rimessa offensiva del Globo con canestro, mentre il Penta stava ancora effettuando a centrocampo un cambio.
La partita era comunque iniziata bene con il Penta che guidato offensivamente da Ferri (2 triple in 3’, nda) e Maggioni si portava sul 15-11 dopo 5’ di gara. Coach Cardinale a quel punto cambiava difesa passando a zona e ordinando il pressing sul portatore di palla. Il cambio di approccio tattico alla gara dava slancio agli ospiti che dopo aver chiuso il primo quarto sotto di 4 (24-20) nel corso dei secondi dieci minuti, grazie anche ad un Facci da 10 punti in 7’, al 13’ impattavano sul 29-29 e al 16’ si portavano sul +5 (34-39). Il Penta che, nonostante buone giocate in attacco, sbagliava troppi tiri da sotto, aveva il demerito di lasciare molti secondi tiri agli ospiti che con due lunghi di assoluto livello come Rodriguez e Trentini non potevano non sfruttare.
Sotto nel punteggio per 49-53, in apertura di terzo quarto la formazione di coach Passacquale cercava di essere più aggressiva alternando anche la “zona” con la “uomo. Isernia però non toglieva il piede dall’acceleratore e al 27’ si portava sul +9 (51-60), sfruttando il buon momento offensivo di Cardinale, autore di 9 punti in rapida successione. Il Penta, squadra di talento e con tanto cuore, in un minuto confezionava un parziale di 4-0 che riapriva la gara (57-61 al 28’).
La partita andava però ad elastico ed i biancorossi, che avevano offensivamente poco da Piccinini e da Lulli (per lui 14 punti ma solo 5 nella seconda metà gara), complice un paio di disattenzioni difensive al 34’ si ritrovavano sotto di 11 lunghezze (66-77). Con la partita che stava scivolando via i biancorossi avevano un sussulto di orgoglio ed in 5’ confezionavano un parziale di 13-0 che li portava sul 79-77 con solo un giro di lancette sul cronometro. Isernia concretizzando un gioco da tre punti, a 30” dalla fine sorpassava sul 79-80 ma Ferri, glaciale dalla lunetta, con 15” sul cronometro riportava il Penta in vantaggio (81-80). Nell’azione successiva Isernia tornava avanti sfruttando l’ennesimo canestro e fallo della serata. Era Facci con un 2+1 a portare i suoi sul 81-83 lasciando solo cinque secondi da giocare. Coach Passacquale chiamava time-out per organizzare l’ultimo attacco e sfruttare la rimessa in zona offensiva. L’ultimo tiro se lo prendeva Lulli ma il capitano, triplicato, al suonare della sirena non riusciva a concretizzare la tripla del sorpasso.
Il Penta Teramo, pur non essendo nella migliore serata, è stato comunque ad un passo da una clamorosa rimonta, c’è da recriminare però per le basse percentuali al tiro che alla fine hanno inciso non poco sul risultato finale: 13/23 ai liberi, 17/37 da due.
Il Presidente Sannicandro a fine gara ha commentato: “Abbiamo giocato una brutta gara in una serata di quelle nelle quali non ne va bene una. Non voglio parlare della direzione di gara, vista da tutti gli spettatori venuti al PalaScapriano, assolutamente insufficiente. Alcune decisioni, per usare un eufemismo, ci hanno lasciati quantomeno perplessi. Adesso cerchiamo di buttarci questa partita alle spalle e guardiamo avanti. Il calendario adesso ci propone il Derby contro Campli, una partita difficile che speriamo attiri un buon numero di spettatori e che non vogliamo assolutamente perdere“.
Il Penta Teramo tornerà a giocare in fuori casa, domenica prossima 9 dicembre, a Campli nell’infuocato Derby contro la Ciprietti Vending.

PENTA BASKET TERAMO – GLOBO ISERNIA 81-83

PARZIALI: 24-20, 16-25, 19-21, 22-17; progressione: 24-20, 40-45, 59-66, 81-83
ARBITRI: Cascioli e Nardone
PENTA BASKET TERAMO: Ciardelli 5, Casasola 7, Ferri 20, Cufari 11, Maggioni 18, Piersanti, Lulli 14, Stucchi ne, Piccinini 6, Diop ne, Sacchini ne, Del Zoppo. All: Passacquale.
GLOBO ISERNIA: D’Adamo, Triggiani 2, Facci 12, Berardi 9, Bisciotti, Rodriguez 25, De Santis, Buccieri, Cardinale 19, Melchiorre, Trentini 16. All: Cardinale.