SERIE B

La Virtus Lanciano all'ultimo respiro agguanta il 3-3 al Biondi col Cesena

Rossoneri unica squadra in B con zero vittorie in casa

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1337

 La Virtus Lanciano all'ultimo respiro agguanta il 3-3 al Biondi col Cesena
LANCIANO. Il Lanciano al Biondi pareggia all'ultimo respiro 3-3 col Cesena ma non riesce a tirarsi fuori dalla zona play-out.
Pioggia di gol nel primo tempo. Uno-due micidiale degli ospiti al quinto ed al 21esimo con Succi e gol strepitoso di Fofana per la Virtus al 28esimo prima della tripletta di Succi al minuto 45. Nella ripresa al quinto il gol di Falcone su calcio di rigore mentre al 45esimo il pari definitivo di Falcinelli.
Risultato giusto con gli abruzzesi che sotto sempre di 2 gol non hanno mai mollato. Decisivi sul risultato gli errori della retroguardia del Lanciano, che hanno spianato il successo all'undici bianconero e la papera del portiere cesenate Berardi per il 3-3 finale. Ancora una volta, la nona consecutiva, l'undici di Gautieri rimanda l'appuntamento con la prima vittoria casalinga in serie B.
Avvio di gara povero di giocate interessanti, con il Cesena cinico e concreto nel capitalizzare le disattenzioni difensive dei frentani. Non pervenuta la Virtus, poco incisiva ed assolutamente incapace di imbastire una reazione decisa e convinta dopo il doppio vantaggio romagnolo. Difesa frentana imbarazzante nel concedere campo ed eccessiva libertà agli avanti ospiti.
Poi al 28esimo la perla di Fofana cambia gli equilibri della partita con il Lanciano finalmente propositivo e più volte vicino al pareggio. Nel momento migliore della Virtus poi è arrivata la tripletta di Succi che ha nuovamente congelato il match.
Nella ripresa il nuovo gol della Virtus in avvio ha riacceso la gara con i frentani sfortunati e vicini al pari in un paio di occasioni. Finale condizionato dalla stanchezza con il Cesena che ha agevolmente controllato la gara fino all'incredibile epilogo con il pari di Falcinelli su errore clamoroso del portiere Belardi.

LA PARTITA

Parte col piglio giusto il Lanciano per percentuale di possesso palla, ma al primo attacco è il Cesena a passare in vantaggio. Al quinto se ne va via Gessa sulla fascia destra e nel mezzo pesca Succi, che a tu per tu con Leali non sbaglia la facile occasione.
Reazione molto confusa dei frentani, che si affidano soprattutto a lanci lunghi per le punte. Poche idee e Cesena abile nel coprire ogni varco.
Al quarto d'ora primo pericolo per la porta di Berardi. Sugli sviluppi di un corner la palla torna a Mammarella che col sinistro da posizione decentrata manca il bersaglio grosso.
Il Lanciano non c'è in campo ed al 21esimo subisce il colpo dello 0-2. Defrel sfrutta l'ennesima topica difensiva dei frentani e trova il corridoio giusto per Succi che supera elegantemente Leali con un tocco sotto.
La Virtus finalmente prova a reagire anche se con colpevole ritardo. Al 26esimo direttamente su calcio di punizione dal limite Mammarella sfiora di pochissimo il palo.
Al 28esimo una magia di Fofana riapre l'incontro. Cross di Falcone dalla destra e magnifico gol di Fofana in rovesciata sotto l'incrocio.
Cambia completamente la partita con il Lanciano che cerca il pareggio. Alla mezz'ora direttamente su calcio d'angolo Mammarella va vicinissimo al bersaglio grosso con Belardi che smanaccia.
Al 41esimo cross di Di Cecco per la testa di Fofana che non inquadra lo specchio della porta. Passa un minuto ed ancora il numero 9 fallisce una ghiotta occasione in piena area ben servito da Di Cecco: palla alle stelle.
Al 45esimo però nel miglior momento degli abruzzesi, Succi colpisce ancora. In perfetta azione di contropiede Defrel serve Succi che supera per la terza volta Leali. Ancora una volta disastrosa la retroguardia rossonera.
Nella ripresa dopo un tentativo pericoloso di Defrel, al quinto minuto episodio importante in favore del Lanciano. Per un tocco di mani in area di Rossi, calcio di rigore per la Virtus. Dal dischetto Falcone non sbaglia.
Il 2-3 risveglia nuovamente gli ardori dei frentani che provano in tutti i modi di raddrizzare la gara. Al nono su calcio d'angolo colpo di testa di Falcinelli alto sulla traversa.
Al 20esimo solare palla gol per Di Cecco, che col destro chiama Berardi al grandissimo intervento. Al 23esimo ci prova senza fortuna Volpe con pallone alto sulla traversa.
Non succede praticamente nulla di interessante fino all'incredibile papera al 45esimo di Belardi, che non trattiene un colpo di testa di Amenta e consente a Falcinelli di pareggiare a porta sguarnita.
Con questo punto il Lanciano resta in piena zona play-out. La Virtus è l'unica squadra a non aver mai vinto in casa. Sabato prossimo impegno difficile in trasferta a Crotone.

TABELLINO

LANCIANO (4-3-3): Leali; Almici, Aquilanti, Amenta, Mammarella; D'Aversa (30'st Ceccarelli), Volpe, Di Cecco; Falcone (36'st Minotti), Fofana (17'st Turchi), Falcinelli. A disposizione: Casadei, Minotti, Rosania, Paghera, Scrosta. Allenatore: Gautieri.
CESENA (3-5-2): Belardi; Tonucci (40'pt Caldirola), Comotto, Brandao; Gessa (30'st D'Alessandro), Iori, Meza Coli (9'st Tabanelli), Djokovic, Rossi; Defrel, Succi. A disposizione: Ravaglia, Favalli, Lapadula, Rodriguez. Allenatore: Bisoli.
ARBITRO: Candussio di Cervignano del Friuli.

Andrea Sacchini