SERIE A

Delfino Pescara. Nessuna squalifica per Terlizzi ma si ferma Quintero

Altre grane per Bergodi. Primavera sconfitta nel terzo turno di Coppa Italia dal Palermo

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1292

Cristiano Bergodi
PESCARA. Nella giornata di ieri davanti la commissione disciplinare è stato discusso il caso del deferimento del calciatore del Pescara Christian Terlizzi, che qualche settimana dopo la partita Torino-Pescara.

 Il Delfino ed il calciatore sono arrivati al patteggiamento e dovranno pagare entrambi un'ammenda di 18mila euro. Terlizzi per le frasi nei riguardi dell'arbitro Carmelo Russo, il Pescara invece per responsabilità oggettiva.
Tutto sommato buone notizie dunque per il Pescara e per il difensore, che in questo modo eviterà la squalifica. Il club adriatico è stato difeso dall'avvocato Flavia Tortorella.
Il giocatore era stato espulso a Torino nel primo tempo sul parziale di 0-0. In conferenza stampa qualche settimana dopo la partita aveva parlato di premeditazione nei suoi confronti da parte dell'arbitro Russo. Inevitabile il deferimento, scattato dopo le parole del difensore del Pescara.

EMERGENZA INFORTUNI: SI BLOCCA QUINTERO

Continua intanto l'emergenza infortuni il casa Pescara. In vista di Napoli oltre le assenze certe di Colucci, Blasi e Balzano, con quest'ultimo squalificato per un turno dal giudice sportivo, con ogni probabilità si aggiungerà anche quella di Quintero, che non si allena da 2 giorni per una tendinopatia all'adduttore della gamba sinistra. Il colombiano non sarà convocato e gli esami dei prossimi giorni chiariranno modalità e tempi di recupero.
Difficoltà ulteriori di formazione dunque per il tecnico Bergodi, che a grandi linee dovrebbe confermare lo stesso undici che ha retto per gran parte della partita conto la Roma. L'unica novità dovrebbe essere la presenza dal primo minuto di Cascione, che ha scontato il turno di squalifica, in luogo di Nielsen. Per il resto fiducia al consueto 3-5-2 con Abbruscato unico terminale offensivo spalleggiato da Weiss.

COPPA ITALIA: IL PALERMO ESPUGNA 2-1 IL SAN MARCO

Nulla da fare per i giovani del tecnico Christian Bucchi, che sono stati sconfitti nell'andata del terzo turno di Coppa Italia di categoria 2-1 dal più quotato Palermo. Gara equilibrata ma decisa alla lunga dal maggior tasso tecnico degli ospiti e condizionata dalle condizioni pessime del terreno per le abbondanti piogge delle ultime ore. I rosanero, grazie alle reti di Kosnic e Petermann, hanno ribaltato l'illusorio vantaggio biancazzurro di Ingretoli ed hanno in pratica ipotecato il passaggio del turno. Ritorno il 7 dicembre in Sicilia. Sfuma o quasi dunque il sogno della Primavera del Delfino di ritornare ai fasti di quel passato che sembra ormai troppo lontano, quando il Pescara di Cetteo Di Mascio arrivò alla semifinale di Coppa nel 2007 con l'Inter. I nerazzurri, tra le cui file spiccavano elementi di valore assoluto quali Balotelli, Bonucci, Andreolli, Bolzoni, Biabany e Filkor solo per citare chi ha fatto carriera tra serie A e Nazionale, dopo aver perso l'andata in Abruzzo raggiunsero la finale soltanto per differenza reti.

TABELLINO

PESCARA: Falso, Vittiglio, Di Pentima, Buonocore (22'st Donatangelo), Mbodj, Perrotta, Spano, Iannascoli, Camilli (1'st Ingretoli), Cherubini, Di Francesco. A disposizione: Agresta, Gizzi, Giammarino, Altobelli, Casantini, Di Cecco, Salvini, Sborgia, Saltarin, Volpe. Allenatore: Bucchi.
PALERMO: Fulignati, Goldaniga, Monteleone, Kosnic, Petermann, Giacomarro, Rojas, Cerniglia, Sosa (14'st D'Amico), Bollino, Calzoneri. A disposizione: Pellitteri, Accardi, Ferrante, Bonura, Malele, Asta. Allenatore: Ruisi.
ARBITRO: Capilungo della sezione di Lecce.

Andrea Sacchini