Basket. La BLS Chieti cede con onore 77-61 in casa della capolista Torino

Teatini rimaneggiati ma in partita per 25 minuti

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

848

Basket. La BLS Chieti cede con onore 77-61 in casa della capolista Torino


TORINO. Una BLS Chieti pesantemente rimaneggiata lotta per 40 minuti sul campo della corazzata Zerouno Torino, che va via solo nella seconda parte di gara e si impone 77-61. Tutto sommato positiva la prova dei teatini, in particolare dei più giovani, che hanno tenuto bene il campo contro avversari decisamente più quotati.
Le assenze degli infortunati Rajola, Gialloreto e Gatti rendono pressoché obbligate le scelte di Sorgentone, che schiera Diomede, Severini, Raschi, Bolletta e Gatti; Torino è in formazione tipo, con Tommasini, Gergati, Evangelisti, Baldi Rossi e Wojciechowski. L’inizio non è dei migliori, la Zerouno scatta sul 10-2 con le triple e il predominio a rimbalzo. Un buon Severini rompe il ghiaccio in attacco, e la difesa regge per tutto il periodo, che si chiude 17-11.
Le difficoltà sotto le plance vengono colmate nel secondo quarto, in cui il coach biancorosso punta sui tre lunghi in campo insieme a Raschi. Spera dà il suo contributo sottocanestro, e quando Diomede, molto bravo a controllare il ritmo, finalizza alcune belle azioni la BLS si fa’ sotto, tornando a -4. Solo il gran finale di Baldi Rossi scuote i padroni di casa, che al riposo conducono 38-30.
Nella ripresa sono ancora Diomede e Severini a far girare l’attacco teatino, ma dall’altra parte Torino segna con grande continuità. Dopo 25 minuti di bel basket la BLS accusa l’unico vero passaggio a vuoto, una rottura prolungata di diversi minuti che viene inesorabilmente punita da Wojciechovski, che vola a ripetizione sopra il ferro, e Tommasini, che guida la squadra e segna da fuori. Lo svantaggio si allarga in pochi istanti, Sorgentone ricorre alla zona che ferma parzialmente l’emorragia, ma all’ultima pausa gli abruzzesi si ritrovano 19 punti sul groppone (63-44).
L’ultima frazione è interpretata generosamente dalla BLS, che con i 5 under sul parquet si batte senza mollare fino alla sirena, provando anche a limare qualcosa. A risultato acquisito arriva anche l’esordio in DNA di Cinalli e Scolavino, elementi del settore giovanile che hanno permesso alla squadra di allenarsi in questi giorni difficili. Il match termina 77-60, ora le attenzioni della compagine teatina sono rivolte all’incontro di domenica al PalaLeombroni contro Ferrara, fondamentale per la corsa salvezza e per il quale si spera di recuperare almeno qualcuno degli infortunati.

ZEROUNO TORINO – BLS CHIETI 77-61 (17-11; 38-30; 63-44)

ZEROUNO TORINO: Tommasini 13, Gergati 9, Evangelisti 10, Baldi Rossi 14, Wojciechowski 21; Parente 5, Baldasso 5, Sandri, Deangelis, Conti. All. Pillastrini.
BLS CHIETI: Diomede 15, Severini 11, Raschi 8, Bolletta 5, Rossi 7; Scolavino, Cinalli, Matroianni 2, Spera 12. All. Sorgentone.
RIMBALZI: Torino 40 (Baldi Rossi 16), Chieti 32 (Spera 7). Assist: Torino 12 (Tommasini 4), Chieti 7 (Diomede 3).