CALCIO A 5

Campionato fermo, mister Bellarte parla dei mondiali

L'AcquaeSapone prepara la ripresa del campionato

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

750

 Campionato fermo, mister Bellarte parla dei mondiali

CITTÀ SANT'ANGELO. Il campionato è fermo quasi da un mese. Troppo per un malato di futsal come lui. Per fortuna che ci sono i Mondiali in tv a tenere concentratissimo Massimiliano Bellarte in attesa della riapertura della serie A, prevista per il 24 novembre. L’AcquaeSapone, che lavora alacremente tra tattica e atletica, riprenderà dal parquet del Kaos Bologna.
Bellarte, intanto guarda al futuro della Nazionale italiana nella competizione thailandese: può vincere il titolo?
“Certo che la squadra nazionale italiana può vincere i Mondiali, ma solo nella misura in cui tutta la squadra creda nel raggiungimento di questo obiettivo. Ci sono formazioni che reputo molto forti, come Brasile, Spagna e Russia, ma l'Italia insieme con il Portogallo potrebbe inserirsi nella corsa al gradino più alto del podio”.
Ci sono dei nuovi talenti che ti hanno colpito finora in Thailandia? Qualche nome?
“Talenti ce ne sono, che poi l'aggettivo proprio sia “nuovo”, questo lascia il tempo che trova. Mi piace Morioka del Giappone, della Russia mi piace Fukin, del Brasile Fernardinho, della Spagna Aicardo. Dell'Italia Merlim e Saad. Ma non sono nuovi”.
Quali, tra i tuoi giocatori, potrebbero in futuro conquistare la fiducia del ct e una maglia azzurra? Caetano, Murilo, Ficili: hanno delle chance?
“Tutti quanti hanno delle chance perché le porte dell’Italia dovrebbero essere aperte per tutti coloro che hanno voglia di lottare per questa patria. Murilo e Caetano sono in età ottimale per cercare fortemente di entrarvi. Ficili anche, con il vantaggio della sua carta d'identità. Tutti possono perdere anche il minimo vantaggio, qualora non corressero, non sudassero e non lottassero per far sì che il buono possa diventare ottimo E l'ottimo il meglio”.
Torniamo a noi. Come prosegue il lavoro dell'AcquaeSapone Fiderma in questo periodo di sosta? Vi manca il clima agonistico?
“Il clima agonistico manca, e la pausa è stata come un vento gelido quando ormai si era tutti accaldati e sudati. Però stiamo lavorando bene con il prof Paolo Aiello per cercare di rientrare al meglio quando riprenderanno le verifiche nei fine settimana”.
Quanti punti serviranno dalla ripresa del campionato alla fine dell'andata per centrare l'obiettivo Final eight?
“Tutti quelli in palio. Da prendere con la rabbia per tutti quelli che ci siamo persi per strada”.