SERIE A

Stroppa alla vigilia del match con la Juve: «loro hanno punti deboli»

Pescara-Juventus domani alle 20,45 all'Adriatico

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1462

Stroppa alla vigilia del match con la Juve: «loro hanno punti deboli»
PESCARA. È un Giovanni Stroppa concentrato ma convinto di poter fare una bella figura quello che si è presentato stamattina in conferenza stampa.

Il tecnico biancazzurro, focalizzando la propria attenzione su concentrazione e determinazione lungo tutto l'arco dei novanta minuti di gioco, conferma in sostanza il pensiero dei suoi giocatori, espresso tramite le parole di Abbruscato e Bocchetti. La Juventus non è imbattibile ma molto dipenderà dall'atteggiamento dei biancazzurri e dalla voglia di far bene, unita ovviamente ad una giornata poco positiva della Juventus che opererà un massiccio turnover: «riguardo al turnover loro, massiccio o in parte, vedremo domani sera. Hanno grandi giocatori ma non è che cambi molto. Vedremo domani se il turnover condizionerà la partita. In ogni caso chiunque scenderà in campo lo farà col massimo impegno per scalare gerarchie e farsi notare dall'allenatore».
Quando la Juve ha giocato con formazioni rivoluzionate, pur vincendo non ha brillato come al solito. È il caso di Bologna-Juventus di 2 giornate fa, decisa da Pogba soltanto in pieno recupero: «dipende tutto dalla determinazione loro e nostra. Sorprende che ogni volta che sembrano in crisi tirano fuori un grande carattere e determinazione. Hanno una spaventosa voglia di vincere e di imporsi».
«Dovremo essere perfetti sotto tutti i punti di vista» – prosegue Stroppa – «e bisogna scendere in campo convinti di saper soffrire. Partiamo da sfavoriti ma nel calcio nulla è deciso prima di giocare. Vediamo se la Juventus riuscirà ad essere determinata come al solito».

JUVENTUS SQUADRA COMPLETA

La Juventus è una squadra completa. Pensiero perfettamente sposato da Giovanni Stroppa: «loro è vero sono una squadra completa quando difendono e soprattutto quando attaccano. In fase offensiva sono incredibili perché attaccano in ogni modo. Con fraseggi corti, lunghi, cross per le punte, verticalizzazioni e quant'altro. È difficilissimo poterli bloccare quando costruiscono azioni d'attacco».
«Noi comunque cambieremo poco» – prosegue Stroppa – «perché la squadra sta crescendo e sarebbe sbagliato ora rivoluzionare squadra e giocate. Servirà ripeto grande attenzione e concentrazione massima per tutti i 90 minuti. La Juve è la classica squadra che ti punisce anche per un minuto di disattenzione in difesa».
Ma questo Pescara può far male alla Juventus? «Loro hanno sicuramente qualche punto debole e dovremo essere bravi noi a sfruttarli. Sarà fondamentale la nostra convinzione. Abbiamo preparato qualcosa per domani e vedremo se saremo più bravi noi o loro nelle contromisure».
«Noi possiamo far bene» – affonda il tecnico biancazzurro – «e se ci sarà l'occasione possiamo fare male. Ho visto partite della Juventus e chiunque ha attaccato alto alla fine ha perso. Per questo abbiamo studiato qualcosa di diverso...».

SQUADRA CHE HA LO STESSO ATTEGGIAMENTO DEL SUO ALLENATORE

La Juventus è la fotocopia del carattere del proprio allenatore. Antonio Conte che nel corso della carriera ha dimostrato grande elasticità mentale passando dal 4-2-4 ad un 3-5-2 lontanissimo dalla sua iniziale idea di calcio: «i miei complimenti vanno a lui. Ha dimostrato di non essere integralista passando dal 4-2-4 a moduli ideali ai giocatori a disposizione».
«Lui è determinato è la Juve è la sua fotocopia» – conclude Stroppa – «è una squadra che non molla mai ed è tra le migliori in Europa».

Andrea Sacchini