RUGBY

L'Aquila guarda al futuro. Lorenzetti: «mantenere alto il morale»

Neroverdi alla quinta sconfitta consecutiva

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1488

L'Aquila rugby
L'AQUILA. Altra settimana difficile per L'Aquila rugby, che nell'ultimo turno ha subito la quinta sconfitte in altrettante gare di campionato.

 Penultimo posto in classifica con un solo punto conquistato in compagnia del Crociati Rugby. Un inizio di stagione difficilissimo nel quale solo il Rugby Reggio, ultimo in classifica a 0 punti, ha fatto peggio.
Il quindici neroverde è reduce dal pesante ko 45-3 rimediato allo stadio Luigi Zaffanella col Viadana.
«Abbiamo giocato contro la migliore squadra del campionato, dotata, a mio parere, del più forte, esperto e ben organizzato pacchetto di mischia» – racconta il direttore tecnico dell'Aquila Rugby, Umberto Lorenzetti - «proprio per mano degli Avanti sono arrivate le segnature avversarie, compresa una meta tecnica; solo l’ultima è stata messa a segno da un tre quarti, ad un minuto dal termine della partita. Ciò nonostante, però, ho visto la squadra non mollare mai: attitudine e la forte volontà di mettersi a disposizione hanno caratterizzato la prestazione della formazione aquilana che è riuscita a difendere al meglio, senza subire punti quando si è ritrovata in 13 a causa di due gialli assegnati, ad un minuto di distanza, ad entrambe le seconde linee in campo».
L'Aquila col Viadana ha collezionato la quinta sconfitte in altrettante gare di campionato: «veniamo da una serie molto negativa, tra risultati che stentano ad arrivare e la lista degli infortunati sempre troppo lunga rispetto alle scelte che uno vorrebbe fare, eppure, nessun giocatore è mai entrato in campo per risparmiarsi, anzi...».
Lo sguardo ovviamente è rivolto già al futuro, alla gara di sabato in casa con le Fiamme Oro Roma, quartultima forza del campionato nazionale super 12: «ora dobbiamo pensare solo alla prossima partita, una delle più importanti della stagione, quella di sabato prossimo con le Fiamme Oro al Fattori».
«Sarà fondamentale mantenere alto il morale» – conclude Lorenzetti – «e mettere in campo tanta determinazione, con l’auspicio di recuperare giocatori fondamentali in alcuni ruoli altrimenti scoperti».

RUGBY VIADANA v L’AQUILA RUGBY 1936: 45-3 (21-3)

MARCATORI: p.t. 8’ m. Pascu tr. Apperley (7-0), 14’ cp. L. Falsaperla (7-3), 27’ m. tec. Viadana tr. Apperley, 33’ m. Padrò tr. Apperley (21-3); s.t. 23’ m. Pascu tr. Apperley (28-3), 32’ m. Padrò (33-3), 39’ m. G. Pavan (38-3), 40’ st. Denti tr. Sintich (45-3).
RUGBY VIADANA: Sintich, Albano, G. Pavan, Pizarro (34’ st. Tizzi), R. Pavan; Apperley (37’ st Cipriani), Cowan (29’ st. Bronzini); Padrò, Barbieri (34’ st. Manuini), Pascu; Minari, Van Jaarsveld (27’ st. Monfrino); Gilding (34’ st Marchini), Santamaria (cap) (34’ st. Denti), Cenedese (25’ st. Cagna). (45-3)
all. Phillips.
L'AQUILA RUGBY 1936: M. Falsaperla (29’ st. Paolucci); Palmisano (7’ pt. Sebastiani), Lorenzetti, Di Massimo (cap), Cocagi; L. Falsaperla, Santavicca; Turner, Di Cicco, Cialone; Vaggi (39 st. Callori), Wilson (35’ st. Mancinelli); Colaiuda, Conti (1’ st. Brandolini), Subrizi (1’ st. Milani, 14’ st Cocchiaro).
all. Lorenzetti – Laurenzi.
ARBITRO: Colantonio (Roma).
GIUDICI DI LINEA: Rossi, Smiraldini.

Andrea Sacchini