SERIE B

Il Lanciano espugna 1-0 il Menti di Vicenza e si rilancia in classifica

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1447

 Il Lanciano espugna 1-0 il Menti di Vicenza e si rilancia in classifica
VICENZA. Il Lanciano supera 1-0 il Vicenza in trasferta ed ottiene la seconda gioia in serie B. match winner Gaetano Vastola al 15esimo del primo tempo.

Gara molto bella e vivace soprattutto nei primi 45 minuti con tante occasioni da gol e continui capovolgimenti di fronte. La classifica deficitaria di entrambe le squadre non ha condizionato la gara ed al di là del risultato va fatto un grande applauso a Lanciano e Vicenza che hanno giocato senza risparmiarsi con altissimi contenuti agonistici.
Ottimo l'approccio alla gara dell'undici frentano, per nulla intimorito dagli attacchi vicentini e prontissimo a capovolgere con velocità l'azione da difensiva ad offensiva.
Primo tempo spettacolare con tantissime occasioni da rete create e continui capovolgimenti di fronte. In avvio subito al terzo conclusione dalla lunga distanza di Volpe con pallone abbondantemente a lato. Al quinto la prima grande occasione della partita è del Vicenza. Malonga da 2 passi esalta i riflessi di Leali.
Al 12esimo tiro da fuori impreciso di Giandonato.
Al 15esimo il Lanciano va in vantaggio. Cross dalla sinistra del solito Mammarella per l'inserimento vincente di Vastola che di testa in tuffo supera Pinsoglio. Il vantaggio della Virtus accende la partita. 2 minuti dopo parata da campione di Leali su colpo di testa di Camisa sugli sviluppi di un corner.
Al 18esimo contropiede del Lanciano e grande respinta di Pinsoglio su incornata di Testardi.
Al 25esimo Scrosta, nel tentativo di liberare l'area, di un nulla non incappa in un autogol clamoroso.
Ancora Vicenza al 26esimo con un colpo di testa di Malonga che sugli sviluppi di un angolo termina di un nulla sul fondo.
Al 37esimo conclusione brutta di Malonga che dai 25 metri sparacchia a lato.
39esimo e tentativo interessante di Testardi deviato in corner.
Prima del riposo ancora padroni di casa insidiosi con Malonga, che nel cuore dell'area di rigore tira centrale.

Nella ripresa parte subito forte il Vicenza. Al quarto cross preciso di Gavazzi, sponda di Plasmati per la conclusione a botta sicura di Malonga che da ottima posizione spedisce incredibilmente a lato. Al settimo minuto botta da distanza siderale di Giandonato a pallone sul fondo.
Al 12esimo grande spunto di Gavazzi che suggerisce nel mezzo per Giani che non sorprende l'attento Leali.
Al 16esimo protagonista ancora una volta Leali che dice no a Plasmati dopo un precedente tentativo di Padalino.
19esimo ed azione di alleggerimento del Lanciano e sugli sviluppi di un corner bel tiro dai 25 metri di Volpe con Pinsoglio che blocca il pallone.
Al 22esimo calcio di punizione dal limite del solito Mammarella e palla di poco alta sulla traversa.
Al 24esimo episodio importante della partita. Cross di Mustacchio e tiro da 2 passi di Gavazzi con parata, dentro o fuori la porta, di Leali a dire di no. Grandi proteste del pubblico e dei giocatori del Vicenza ma per i giudici di gara non è gol.
Al 32esimo punizione dal limite calciata da Giani e palla alta.
39esimo minuto ed incredibile palla gol per il Vicenza. Cross di Mustacchio e da 2 metri Plasmati schiaccia troppo con la testa alzando il pallone sopra la traversa.
Con questo successo, il secondo in trasferta, il Lanciano è salito a quota 12 in classifica. Sabato prossimo seconda trasferta consecutiva lontano da casa per la Virtus, che sarà di scena a Castellammare di Stabia.

TABELLINO

VICENZA (4-3-3): Pinsoglio; Brighenti, Camisa, Gentili, Giani (39'st Minesso); Gavazzi, Padalino (16'st Mustacchio), Giandonato; Giacomelli (6'st Pinardi), Plasmati, Malonga. A disposizione: Coser, Pisano, Misuraca, El Hasni. Allenatore: Breda.
VIRTUS LANCIANO (4-3-3): Leali; Aquilanti, Rosania, Scrosta, Mammarella; Vastola, Volpe (36'st Di Cecco), Paghera (43'st Minotti); Falcinelli, Fofana, Testardi (31'st Falcone). A disposizione: Casadei, Bacchetti, Pepe, Turchi. Allenatore: Gautieri.
ARBITRO: Roca della sezione di Foggia.

Andrea Sacchini