SERIE A

Delfino Pescara. Stroppa: «vado avanti per la mia strada»

Dopo l'ultima sconfitta però il clima si fa teso e la panchina sembra traballare

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1868

Delfino Pescara. Stroppa: «vado avanti per la mia strada»
PESCARA. I biancazzurri hanno ripreso questo pomeriggio gli allenamenti in vista del match fondamentale di domenica all'Adriatico contro l'Atalanta.

 L'undici di Stroppa è reduce dalla deludente sconfitta di Udine nella quale il Pescara, dopo un primo tempo discreto per copertura degli spazi ed attenzione difensiva, nella ripresa nonostante l'uomo in più ha subito il gol vittoria dei friulani senza poi riuscire ad imbastire una minima reazione.
Il Pescara del primo tempo non aveva affatto dispiaciuto per compattezza al cospetto di una delle formazioni migliori del campionato. L'atteggiamento della ripresa però vanificato tutto il buon lavoro dei primi 45 di gioco.
«Sono deluso in parte ma combattivo» – racconta Stroppa circa il suo stato d'animo – «bene per la prima mezz'ora con l'Udinese ma non basta. Male la reazione dopo il loro gol, dovevamo essere più cinici ed incisivi».
Dopo un inizio difficile la squadra aveva ritrovato fiducia con i 7 punti ottenuti in 3 gare. Le 2 sconfitte consecutive con Lazio ed Udinese però hanno fatto precipitare i biancazzurri nuovamente in zona retrocessione, al terzultimo posto in classifica: «i particolari in questo campionato sono fondamentali e fanno la differenza. Con una vittoria saremmo stati dalla parte sinistra della classifica al sesto posto».
«Il particolare» – insiste Stroppa – «riguarda una marcatura, un inserimento in zona gol e maggiore attenzione in fase di copertura. Se giochiamo con attenzione e cattiveria possiamo battere chiunque. Vorrei vedere un agonismo diverso in campo ed un sacrificio maggiore da parte di tutti».
All'orizzonte la partita con l'Atalanta, crocevia importante di questa stagione: «bisogna remare tutti dalla stessa parte. Giocatori, tecnici ed anche giornalisti. Col disfattismo non si va da nessuna parte».

PANCHINA A RISCHIO?
La panchina di Stroppa nell'immediato futuro non sembra a rischio. In ogni caso il tecnico del Pescara va avanti per la sua strada: «sono convinto di ciò che faccio io e del lavoro dei miei giocatori. Vado avanti per la mia strada. Le sconfitte mi spronano a dare di più. Sento in giro contestazioni solo nei miei confronti, dispiace ma ho le spalle larghe per sopportare tutto. Ne prendo atto e vado avanti credendo nel mio lavoro».
Sulla fiducia rinnovata dalla società: «non posso far altro che ringraziare la società per la fiducia. Evidentemente riconoscono il lavoro che viene fatto in settimana».
Sul perché alcuni giocatori sembrano fuori da ogni schema Stroppa risponde: «non so spiegarmi neanche io il motivo. Vorrei avere anche io delle risposte ma è difficile capirlo anche per me».
Nel tardo pomeriggio di oggi il patron Sebastiani ed alcuni giocatori del Pescara saranno in centro ospiti del nuovo sponsor del club adriatico. Infine sono già in vendita i tagliandi per il prossimo match interno con l'Atalanta. Fischio d'inizio domenica alle ore 15,00.

Andrea Sacchini