DIVISIONE NAZIONALE C

Basket. Il Lanciano crolla 96-68 ad Airola

Vittoria esterna a Trani invece per il Vasto

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

868

Basket. Il Lanciano crolla 96-68 ad Airola
AIROLA. Seconda gara stagionale e seconda sconfitta per la Bls Lanciano, che rimedia una figuraccia nella trasferta di Airola.

Se alla vigilia della gara una sconfitta era in preventivo, data la situazione di emergenza che sta vivendo la squadra a causa dell'asenza di Di Emidio e Ucci, una sconfitta così larga non era in programma per gli uomini di coach Salvemini.
E in realtà la squadra per due quarti, nonostante palesi difficoltà, ha tenuto il campo limitando i danni, anzi partendo bene con uno 0-4 firmato da due canestri di Toni Blaskovic, seguiti però da un parziale di 9 punti a 0 che i gialloblù non sono più stati in grado di ribaltare da lì alla fine.
Chiusa la prima frazione sul 21 a 15 per i locali, la Bls si riavvicina con 2 triple consecutive di Castelluccia, che valgono il 23 a 21 dell'11° minuto di gioco. Nel finale del quarto Smorra e Del Vecchio firmano l'allungo che porta al riposo le due squadre sul 42 a 32.
Alla ripresa dei giochi la svolta dell'incontro. Gli arbitri Rizzi e Di Benedetto fischiano 3 falli tecnici e un antisportivo ai gialloblù in 3 minuti di gioco. Ne pagano le conseguenze prima Blaskovic, poi Castelluccia, poi coach Salvemini, nella più assurda delle situazioni: dopo un time out l'assistente al tavolo avrebbe segnalato agli arbitri la mancata comunicazione di un cambio nelle fila del Lanciano, cambio che in effetti non c'era stato. Gli arbitri rivoltisi a coach Salvemini per avere spiegazioni comminavano un tecnico per un insulto dell'allenatore che nessuno, arbitri a parte, ha sentito: fallo tecnico e prima espulsione in carriera per il neo coach gialloblù. Tutto facile per Airola che vola sul 56 a 32 praticamente a bocce ferme.
La Bls, priva di due gocatori fondamentali, priva del suo tecnico e sotto di 24 punti non ha più la forza di reagire e la gara prosegue in un surreale e lunghissimo garbage time che consegna ad Airola i 2 punti in palio.
Coach Salvemini, amareggiatissimo per l'evoluzione dell'incontro, si è detto incredulo per quanto visto in quei 2 minuti di follia. La squadra è stata fortemente danneggiata da un errore prima del tavolo e poi degli arbitri che hanno mal interpretato le parole del tecnico frentano, che si era limitato a negare la mancata segnalazione di un cambio che in effetti non c'era stato.
Domenica a Lanciano è di scena il Taranto dell'ex Pietro Leoncavallo. I gialloblù potranno contare sul recupero di Edoardo Di Emidio e si spera che la rabbia incamerata nella trasferta di Airola sia convogliata nella giusta carica agonistica utile per portare a casa i primi due punti di un campionato che non poteva cominciare in maniera peggiore.

TABELLINO
LA CAUDINA AIROLA: (96) Moccia 15, Falzarano 14, Di Marzo 10, Errico 16, Del Vecchio 8, Smorra 24, Luongo 4, Parrillo 3, Rianna 2, Lombardi 0 Coach: Vincenzo Patrizio.
BLS LANCIANO: (68) Muffa 4, Scavongelli 18, Martelli 18, Castelluccia 15, Blaskovic 11, Carosella 2, Bomba 0, Giuliano n.e. Di Emidio n.e. Scagnetti n.e. Coach: Giorgio Salvemini.
PARZIALI: (21-15 / 21-17 / 27-11 / 27-25).