SERIE A

Il Pescara fa festa a Cagliari per la prima vittoria

Finisce 2-1. In gol Terlizzi e Weiss

Andrea Sacchini

Reporter:

Andrea Sacchini

Letture:

1744

Il Pescara fa festa a Cagliari per la prima vittoria
CAGLIARI. Il Pescara espugna 2-1 Cagliari e conquista la sua prima vittoria in trasferta in questo campionato.

 Tutte le reti nella ripresa. Vantaggio al quinto con Terlizzi e raddoppio al 31esimo con Weiss. Al 37esimo il rigore di Pinilla per il definitivo 2-1.
Verdetto del campo giusto con il Pescara bravo e fortunato a resistere alla maggiore pressione del Cagliari nel primo tempo e colpire con forza nella ripresa sulle poche occasioni da gol create. Biancazzurri non spettacolari ma dannatamente cinici e concreti. Quanto basta per lottare con le unghie e con i denti per la permanenza in serie A.
Nel primo tempo decisamente meglio i padroni di casa, che con la velocità soprattutto di Ibarbo e Sau hanno creato più volte i presupposti del vantaggio. Pescara troppo timido e contratto ed incapace di creare occasioni da gol degne di nota. Poche idee perlopiù confuse con il centrocampo di Stroppa poco propenso alle verticalizzazioni ed inesistente in fase di costruzione del gioco.
Nella ripresa succede quello che non ti aspetti. Il Pescara entra in campo con piglio diverso ed il Cagliari mano a mano cede terreno e dopo il gol di Terlizzi resta addirittura in 10 uomini per sciocca espulsione di Rossettini. In superiorità numerica gli uomini di Stroppa coprono bene il campo e legittimano il successo con il secondo sigillo stagionale di Weiss. Ultimi 10 minuti di passione con il Cagliari nuovamente in partita grazie al rigore di Pinilla. Al triplice fischio però è tripudio biancazzurro per 3 punti fondamentali in ottica salvezza.

LA PARTITA

Buon avvio da parte del Cagliari per intensità ed aggressività. Al sesto però prima la prima conclusione in porta della partita è del Pescara con Colucci, che quasi da centrocampo prova l'eurogol mancando di poco il bersaglio grosso.
I biancazzurri però sono poco incisivi ed incapaci di creare gioco. Col passare dei minuti il Cagliari prende coraggio ed alza ritmi e baricentro. Dopo un paio di discese di Ibarbo, devastante sulla fascia e mai controllato a dovere da Zanon, al 18esimo lo stesso esterno del Cagliari pennella un buon pallone per la testa di Pinilla che non inquadra lo specchio della porta di poco.
Al 21esimo ennesima discesa di Ibarbo che si accentra e conclude di poco a lato. 26Esimo ed azione fotocopia della precedente con l'attaccante isolano che nuovamente converge al centro e spara alto sulla traversa.
Poca lucidità nelle fila pescaresi e Cagliari nuovamente pericoloso al 38esimo con Sau, che dalla destra chiama al buon intervento Perin.
Al 43esimo è il turno di Pinilla che da posizione più che privilegiata trova un attento Perin a dire di no.
Nella ripresa è tutto un altro Pescara. Più aggressivo, determinato e soprattutto capace di volgere a proprio favore gli episodi della contesa. Al quinto il gol del vantaggio con Terlizzi, che su calcio di punizione trova la fortunosa doppia deviazione della coppia Perico-Rossettini ed insacca alle spalle di Agazzi. Al decimo altro episodio decisivo della partita. Per doppia ammonizione, per altrettanti interventi fallosi su Weiss, viene espulso il cagliaritano Rossettini. Pescara in superiorità numerica ed in vantaggio di un gol.
Il Cagliari prova a reagire ma i biancazzurri sono attenti e concentrati in difesa. Al quarto d'ora conclusione piuttosto velleitaria di Pinilla. Nessun pericolo per Perin.
Al 19esimo di nuovo decisivo Terlizzi, che quasi sulla linea respinge un tentativo di Cossu a Perin ormai battuto.
Al 31esimo il Pescara raddoppia. Perfetto contropiede dei biancazzurri, con Nielsen che trova il corridoio giusto per Weiss che realizza.
La gara però non finisce qui. Al 37esimo il Cagliari accorcia le distanze con un calcio di rigore di Pinilla originato da un fallo di mani di Terlizzi. Ultimi 10 minuti di grande sofferenza con il Pescara che stenta a controllare gli attacchi degli isolani. Al triplice fischio però è grande gioia per gli abruzzesi, che ottengono il primo successo in trasferta del torneo. Domenica prossima all'Adriatico arriva la Lazio, che ha superato in casa oggi il Siena.

TABELLINO

CAGLIARI (4-3-3): Agazzi; Perico (25'st Casarini), Rossettini, Ariaudo, F. Pisano; Dessena (8'st Cossu), Nainggolan, Ekdal; Sau (12'st Astori), Pinilla, Ibarbo. A disposizione: Avramov, Avelar, Nenè, Thiago Ribeiro. Allenatore: Ficcadenti.
PESCARA (4-3-2-1): Perin; Zanon, Terlizzi, Bocchetti, Balzano; Nielsen, Colucci (27'st Blasi), Cascione; Quintero (42'pt Weiss), Caprari; Vukusic (23'st Abbruscato). A disposizione: Pelizzoli, Capuano, Romagnoli, Bjarnason, Brugman, Celik. Allenatore: Stroppa.
ARBITRO: Antonio Damato della sezione di Barletta.