I COMMENTI

Il Pescara si gode la prima vittoria in campionato

Stroppa: «ci siamo sbloccati mentalmente»

Andrea Sacchini

Reporter:

Andrea Sacchini

Letture:

1219

Il Pescara si gode la prima vittoria in campionato
PESCARA. Il campionato del Pescara inizia oggi. Queste sono state le parole pronunciate dal tecnico biancazzurro Giovanni Stroppa nel post partita di Bologna.

 Ed è stato così perché il Pescara, dopo il buon punto di domenica, con il Palermo ha centrato il primo successo in serie A portando a 2 la striscia di risultati utili consecutivi. 4 punti in classifica fondamentali per la corsa salvezza e soprattutto per il morale con la squadra, finalmente, che si è scrollata di dosso il peso della prima vittoria nella massima divisione.
Col Palermo certo non è stata la miglior prestazione del Pescara di Stroppa, ma i 3 punti fanno dimenticare tutto e lasciano guardare al futuro con rinnovato ottimismo: «la prestazione col Palermo non rappresenta un passo indietro. O meglio dipende dai punti di vista. Se guardiamo la partita persa con la Sampdoria abbiamo giocato meno bene ma tengo stretta la prestazione di oggi e soprattutto i 3 punti».
«Abbiamo sofferto la superiorità numerica» – prosegue Stroppa – «perché nel primo tempo abbiamo fatto vedere buone cose sfiorando il gol in almeno 2 occasioni. Poi è subentrata un po' la paura di vincere. Poi non dobbiamo dimenticare che il Palermo ha grandi giocatori sia a livello tecniche sia caratteriale».
Da migliorare ci sono ancora tante cose: «innanzitutto bisogna giocare in avanti più da squadra. In molti frangenti gli attaccanti sono stati troppo individualisti ed i terzini sono saliti poco».
«In generale però eravamo parecchio stanchi» – sottolinea il tecnico del Pescara – «ed in settimana avevo rimarcato questo punto. Però metterei la firma a giocare partite come quelle col Palermo ed ottenere l'intera posta in palio».
In settimana Stroppa aveva strigliato i suoi circa la mancanza di competitività per un posto in squadra. Col Palermo il tecnico biancazzurro ha ricevuto le risposte che cercava: «chi è entrato ha fatto il suo lavoro bene. Mi ero espresso con quei termini forti in settimana perché volevo motivare chi magari non viene scelto per giocare titolare. Ho avuto buone risposte in tal senso e Weiss ha segnato un gran gol preziosissimo per la classifica».
«Resta il grande lavoro quotidiano» – conclude Stroppa – «e della partita la voglia di trovare il gol nonostante le difficoltà e l'equilibrio. Avevamo bisogno solo di sbloccarci a livello mentale».