LEGA-PRO

Il Chieti penalizzato di un punto per mancato deposito di garanzie fideiussorie

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1630

De Patre

Mister De Patre


CHIETI. La Commissione Disciplinare Nazionale ha inflitto nella mattinata di oggi penalizzazioni in classifica da scontare nel campionato in corso a ben 8 formazioni della Lega Pro per il mancato deposito, entro i termini previsti dal regolamento, delle garanzie fideiussorie al momento dell'iscrizione al torneo 2012/2013.

Penalizzato anche il Chieti, di un punto, che ha però già annunciato ricorso contro la decisione assunta oggi dalla Commissione Disciplinare.
Tra gli altri club coinvolti: 1 punto ad Andria, Valle d'Aosta, Como, Treviso e Latina; 2 punti al Campobasso e ben 4 punti al Casale.
Con questo punto di penalizzazione il Chieti scende al secondo posto in classifica a 9 punti, ad una lunghezza dalla capolista Aprilia. La penalizzazione, seppur i teatini abbiano fatto ricorso, era comunque attesa dopo l'iscrizione “in ritardo” del club di Walter Bellia all'attuale campionato di Seconda Divisione. Il Chieti era stato deferito lo scorso 29 agosto per aver presentato all'atto dell'iscrizione al campionato una documentazione incompleta.
Tornando al campionato, le parole di De Patre sul successo con il Campobasso: «abbiamo approcciato al meglio la gara non ripetendo l'errore degli ultimi turni di campionato. Abbiamo fatto un'ottima prestazione anche se siamo stati agevolati dal rigore e dall'espulsione del loro portiere».
«Ora non guardo la classifica» – conclude De Patre – «la guarderò soltanto dopo 10 giornate. Ora penso soltanto alla prossima gara esterna sul campo del Melfi».
La squadra intanto prosegue gli allenamenti in vista del match di domenica prossima sul campo del Melfi. Oggi doppia seduta di allenamento, mentre domani i teatini agli ordini del tecnico Tiziano De Patre si ritroveranno alle 15,00 al campo Comunale di Bucchianico. Partenza per Melfin sabato nel primo pomeriggio dopo l'ultimo allenamento in Abruzzo.

Andrea Sacchini