SERIE A

Domani Pescara-Palermo. Stroppa: «non vedo in squadra la giusta competitività»

Il ct: «cerchiamo la continuità»

Andrea Sacchini

Reporter:

Andrea Sacchini

Letture:

1917

Domani Pescara-Palermo. Stroppa: «non vedo in squadra la giusta competitività»
PESCARA. Nessun riposo per il Pescara che ieri mattina ha ripreso i lavori al Campo Vestina di Montesilvano in vista del match di domani sera all'Adriatico contro il Palermo.

 Atmosfera rilassata e di moderata soddisfazione per aver ottenuto con le unghie e con i denti e soprattutto con merito un punto fondamentale per la classifica e per il morale.
È fuori di dubbio che la squadra sta crescendo sia nella produzione offensiva e sia nella fase di copertura. L'undici di Stroppa col Palermo è alla caccia di conferme e soprattutto della prima vittoria in campionato, che avrebbe valore doppio se ottenuta al cospetto di una diretta concorrente per la salvezza: «vogliamo continuare ma sappiamo che sarà difficilissimo. Il Palermo non merita la classifica che ha. Con l'Atalanta mi hanno fatto una grande impressione come squadra e come individualità. Meritavano sicuramente la vittoria per gioco ed occasioni da gol create».
«Giocatori come Ilicic, Brienza, Miccoli ed Hernandez fanno la differenza» – va avanti Stroppa – «e loro possono far male tra le linee. Dobbiamo impedire le verticalizzazioni per le loro punte, fermo restando che le motivazioni faranno la differenza. Noi vogliamo ripartire dall'ottima prestazione e dal punto di Bologna».
Il Palermo ha cambiato allenatore da una settimana, da Sannino a Gasperini: «con Gasperini ho visto una volontà diversa al di là del discorso tattico e di modulo. Ho visto movimenti diversi e tutta la squadra partecipa alla fase offensiva».

TURNOVER ED INFORTUNI
Per quanto riguarda la formazione, difficilmente ci saranno novità rispetto l'undici che è tornato da Bologna con un prezioso pareggio. Squadra che vince non si cambia anche se Stroppa sarà costretto a cambiare 2 pedine. L'eroe di domenica Pelizzoli per lo squalificato Perin e Capuano che dovrebbe riprendere posto al centro della difesa con Bocchetti dirottato sull'esterno in luogo dell'infortunato Modesto: «non ci sarà turnover. Ora non possiamo permettercelo. Io guardo di partita in partita e certo non penso assolutamente alla partita di domenica prossima col Cagliari. L'obbiettivo è mettere in campo la migliore formazione per vincere con il Palermo, poi penseremo ad altre partite».
«La volontà è quella di proseguire su quanto fatto di buono fin'ora» – va avanti il tecnico del Pescara – «anche se alcuni giocatori oggi in allenamento li ho visti stanchi fisicamente e soprattutto mentalmente».
L'emergenza in difesa, con Terlizzi e Romagnoli già out col Bologna, nelle ultime ore si è aggravata con la squalifica di Perin e con gli infortuni a Crescenzi e Modesto. Al momento Stroppa può contare soltanto su 5 giocatori di difesa: Balzano, Bocchetti, Cosic, Capuano e Zanon, con quest'ultimo reduce da un periodo di forma psico-fisica piuttosto precaria: «in difesa in questo momenti abbiamo problemi numerici. La scelta di Capuano è inevitabile visto che Romagnoli è ancora fuori».

MANCANZA DI COMPETITIVITÀ IN SQUADRA
Tanti giocatori in rosa hanno originato un problema secondo il tecnico del Pescara: «non vedo grande competitività durante il lavoro in settimana, soprattutto nell'impegno e nella voglia di riconquistare un posto da titolare quando non lo sei. Il vero salto di qualità si ha quando chi non è titolare con impegno fa di tutto per essere scelto tra i titolari. Quando l'allenatore arriva alla partita senza dubbi vuol dire che qualcosa non ha funzionato nel lavoro sul campo».
«Abbiamo una squadra giovane» – conclude Stroppa – «ma certo faccio l'allenatore e non il baby sitter perché la competizione dovrebbe appartenere a tutti».

PROBABILI FORMAZIONI (STADIO ADRIATICO MERCOLEDI' ORE 18,30)

PESCARA (4-3-2-1): Pelizzoli; Bocchetti, Capuano, Cosic, Balzano; Cascione, Colucci, Nielsen; Quintero, Weiss; Vukusic. A disposizione: Falso, Perrotta, Zanon, Blasi, Bjarnason, Celik, Brugman, Caprari, Soddimo, Chiaretti, Abbruscato, Jonathas. Allenatore: Stroppa.
PALERMO (3-4-2-1): Ujkani; Munoz, Donati, Von Bergen; Morganella, Barreto, Rios, Mantovani; Ilicic, Brienza; Miccoli. A disposizione: Benussi, Brichetto, Garcia, Labrin, E. Pisano, Bertolo, Viola, Kurtic, Hernandez, Budan, Giorgi, Dybala. Allenatore: Gasperini.