SERIE A

Delfino Pescara. A Bologna un punto che fa classifica e... soprattutto morale

Pelizzoli: «felice per il rigore»

Andrea Sacchini

Reporter:

Andrea Sacchini

Letture:

1552

Delfino Pescara. A Bologna un punto che fa classifica e... soprattutto morale
PESCARA. L'importante punto di ieri a Bologna consegna un Pescara diverso nella sostanza e soprattutto nello spirito rispetto le prime 3 giornate di campionato.

 In terra emiliana gli uomini di Stroppa hanno messo in mostra buoni numeri a partire da una gradita sorpresa: una difesa, nonostante le assenze di Terlizzi, Romagnoli e Capuano (scelta tecnica, ndr), attenta e concentrata soprattutto in situazione di inferiorità numerica. Diamanti e Gilardino, spauracchi della vigilia, sono stati ben contenuti da Cosic e compagni che in difesa hanno fatto per tutta la partita i movimenti che Stroppa voleva.
Il Pescara sta crescendo e la decisione presa dalla società la settimana scorsa di non sollevare dall'incarico di allenatore Giovanni Stroppa potrebbe a lungo rivelarsi la scelta migliore. La squadra, già dalla partita persa con la Sampdoria, errori difensivi a parte aveva fatto vedere passi avanti decisi rispetto le partite con Inter e soprattutto Torino. La crescita sembra continua ed a Bologna, nonostante decisioni arbitrali sfavorevoli quali il gol degli emiliani in fuorigioco ed il rosso troppo severo per Perin, il Pescara ha tenuto bene il campo con buon possesso palla e diversi pericoli dalle parti di Agliardi. Fino alla prossima pausa delle nazionali, tra oltre 3 settimane, Giovanni Stroppa avrà la possibilità di allenare la rosa al completo. Decisamente un momento importante per metabolizzare al meglio i movimenti tattici ed il credo del mister che nelle ultime 2 settimane ha lavorato senza dubbio bene e con tanto impegno.

STROPPA GONFIA IL PETTO: «IL NOSTRO CAMPIONATO INIZIA OGGI»
Felice del punto conquistato con le unghie e con i denti e con pieno merito a Bologna, il tecnico Giovanni Stroppa analizza la gara: «abbiamo sofferto nel finale dopo l'espulsione del nostro portiere, ma la squadra nel complesso ha fatto una grande partita. All'inizio abbiamo sofferto perché è subentrata un po' di paura per le ultime sconfitte. Dopo il gol abbiamo capito che dovevamo la nostra partita senza paura e abbiamo pareggiato. Potevamo anche vincere poi è arrivato il loro rigore ed il rosso».
«Sapevamo che eravamo in crescita» – Stroppa a chiudere – «questo punto serve per la classifica ed anche per aumentare la nostra autostima. Il campionato per il Pescara è iniziato a Bologna, ma non dimentico quanto di buono e di male fatto nelle prime 3 giornate».

IVAN PELIZZOLI, L'UOMO DEL MATCH
L'eroe di giornata Pelizzoli, il cui rigore parato su Diamanti ha permesso agli abruzzesi di riportare a casa un punto di capitale importanza per classifica e morale, ovviamente non sta nella pelle: «è una sensazione splendida. Entrare a freddo a partita in corso e trovarsi a fronteggiare un calcio di rigore che può decidere una partita non è facile. Detto ciò parare il penalty è una sensazione unica e da fiducia sia a te stesso e sia soprattutto alla squadra».
«Siamo felici per il punto conquistato» – conclude l'uomo del match Pelizzoli – «muoviamo la classifica e soprattutto ci sblocca a livello mentale. Ora dobbiamo continuare su questa strada, le carte per dare continuità di risultati e prestazioni ci sono tutte».