2°Div/B

Mister Cappellacci: «il Teramo è una squadra umile che conosce le proprie qualità»

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

945

Mister Cappellacci: «il Teramo è una squadra umile che conosce le proprie qualità»
TERAMO. Il Teramo è entrato nella settimana di avvicinamento alla partita di domenica in casa col Borgo Buggiano.

L'occasione, al cospetto di un avversario che lotterà verosimilmente fino all'ultima giornata per la salvezza, è ghiotta per centrare la prima vittoria stagionale in gare ufficiali. Il tecnico Roberto Cappellacci, dopo le buone indicazioni avute nei primi turni di campionato sulla tenuta difensiva dei suoi, nella sconfitta Martina Franca ha dovuto fare i conti con una retroguardia ingenua e disattenta negli episodi chiave del match. Il tecnico del diavolo dunque dovrà lavorare in settimana anche sulla solidità del pacchetto arretrato, senza dimenticare gli atavici problemi della squadra in zona gol con sole 2 reti realizzate fin'ora.
«C'è un po' di rammarico per la gara persa con il Martina Franca» – ammette il tecnico Roberto Cappellacci – «potevamo e dovevamo fare di più. Forse non meritavamo di vincere, ma il Martina non ha rubato nulla. Siamo andati in difficoltà sulla velocità degli avversari e sulla continua ricerca loro della profondità per le punte. In qualche occasione non abbiamo letto bene le situazioni soprattutto in difesa».
«Siamo caduti nella trappola tesa dal Martina» – prosegue Cappellacci – «che ci ha imposto un ritmo basso che non esalta le nostre caratteristiche. Questa è davvero l'unica cosa da rimproverare di tutta la gara».
Non è un momento positivo per il Teramo, che dovrà uscire unito da questa situazione: «abbiamo individualità importanti in ogni zona del campo, ma le partite si vincono col collettivo. Nel calcio è sempre stato così. Siamo una squadra umile che sa bene i propri pregi ed i propri limiti».
«Non siamo da alta classifica» – conclude Cappellacci – «ma in campo mettiamo sempre tutto quello che abbiamo. L'obbiettivo per ora resta ovviamente la salvezza».

Andrea Sacchini