Serie B. Il Pescara si lascia alle spalle il periodo buio e supera 1-0 il Crotone

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

2601

PESCARA. Successo importantissimo per il Pescara che allo stadio Adriatico supera 1-0 il Crotone. Match winner Christian Bucchi al minuto 17.

Risultato giustissimo per i valori tecnici espressi in campo con il Pescara in giornata ed il Crotone, qualitativamente di livello inferiore, quasi mai in partita eccezion fatta l'ultimo quarto d'ora di partita.

Prova di carattere e sostanza degli uomini di Eusebio Di Francesco che, reduci da un solo punto nelle ultime 5 partite, sul campo hanno risposto presente nel momento forse più delicato dell'intera stagione.

3 punti in ottica salvezza (o play-off ma dipenderà dai prossimi 2 impegni esterni consecutivi, ndr) che rilanciano un Pescara ritrovato soprattutto a livello mentale.

Dopo un inizio un po' contratto, primo tempo senza ombra di dubbio buono con diverse occasioni create per il raddoppio. Di qualità inferiore la ripresa, con la paura che ha un po' colpito il Pescara soprattutto nell'ultimo quarto d'ora di gioco.

Riguardo ai singoli ottima la prova da regista di Verratti che, non è certo un mistero, ha mostrato grandissime capacità di visione di gioco. Nel complesso grande qualità da parte di tutto il centrocampo, che oggi ha recuperato diversi elementi importanti per l'economia del gioco pescarese. Da rivedere la fase offensiva, gradevole sì ma ancora una volta poco incisiva con gli avanti biancazzurri incapaci di chiudere la partita nonostante i tantissimi contropiedi avuti tra la fine del primo tempo e la ripresa.

Prestazione attenta e concentrata anche dell'intero pacchetto difensivo, che in pratica non ha mai sofferto il Crotone neanche sui temibili calci piazzati, tallone d'Achille di questa squadra.

Nota di merito particolare per Bucchi che, visibilmente in condizioni atletiche migliori rispetto le ultime uscite, gol a parte si è dannato l'anima con sponde giuste ed intelligenti per l'inserimento senza palla dei centrocampisti.

Avvio di gara contratto per i padroni di casa, che rischiano di andare sotto già al minuto 4 con Curiale, che a tu per tu con Pinna sparacchia addosso all'estremo difensore biancazzurro Pinna. 5 minuti dopo altra ottima chance per il Crotone con una sfortunata deviazione di testa di Del Prete sugli sviluppi di un corner, con pallone che scheggia la traversa.

Trascorsi i primi minuti di estrema difficoltà, pian piano il Pescara viene fuori dal proprio guscio ed al 17esimo trova il punto dell'1-0. Da sinistra cross col contagiri di Petterini per la testa di Bucchi che nel cuore dell'area di rigore, privo di marcature, non sbaglia.

Al 21esimo altra buona chance per il Pescara con Bonanni che da posizione decentrata sugli sviluppi di un angolo trova di poco l'esterno della rete.

Al 27esimo la più colossale palla gol del Crotone viene invalidata da Pinna, che sul primo palo risponde da campione al tiro ravvicinato di Eramo.

Prima del riposo l'occasione ghiotta del gol viene sciupata da Bonanni, che a tu per tu con Belec prova la conclusione respinta dal portiere calabrese.

Nella ripresa il Pescara è abile nello stroncare sul nascere ogni velleità del Crotone, che per oltre 20 minuti ci prova soltanto con conclusioni velleitarie dalla lunghissima distanza facilmente controllate da Pinna.

Al 25esimo ottima chance per Sansovini, che dopo essersi liberato splendidamente di un difensore non trova il tempo della battuta a rete ormai solo davanti a Belec.

Ultimo quarto d'ora di grande sofferenza con tantissimi calci d'angolo e di punizioni usufruiti dal Crotone, che comunque non ha mai concluso verso la porta di Pinna. Nel finale saltano anche i nervi con il rosso diretto ad Abruzzese per un brutto fallo su Verratti.

Questi 3 punti permettono al Pescara di guardare con maggiore ottimismo al futuro. Sabato prima di 2 trasferte consecutive. Piacenza prima e soprattutto Ascoli poi diranno molto di più sulle ambizioni e sui reali obiettivi di questa squadra. Nel mentre i biancazzurri possono godersi una tranquilla posizione di classifica, a 3 punti dai play-off e 8 lunghezze dalla zona play-out.

 TABELLINO

 PESCARA (4-4-1-1): Pinna; Petterini, Diamoutene, Mengoni, Del Prete; Gessa (28'st Berardocco), Verratti, Ariatti, Bonanni; Soddimo (22'st Sansovini); Bucchi (30'st Maniero). A disposizione: Bartoletti, Olivi, Capuano, Giacomelli. Allenatore: Di Francesco.

CROTONE (3-4-3): Belec; Viviani (19'st Russotto), Abruzzese, Vinetot; Eramo, Galardo, Mazzotta, Correia; Cutolo (30'st Calil), De Giorgio, Curiale (34'st Ginestra). A disposizione: Concetti, Crescenzi, Matute, Tedeschi. Allenatore: Menichini.

ARBITRO: Ruini della sezione di Reggio Emilia. Spettatori: 7mila circa.

 Andrea Sacchini  02/04/2011 18.42