CHIETI CALCIO

Lega-Pro. Dopo l'addio di Paolucci il Chieti è alla caccia del nuovo allenatore

Secondo le indiscrezioni del momento potrebbe essere De Patre?

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1669

Lega-Pro. Dopo l'addio di Paolucci il Chieti è alla caccia del nuovo allenatore
CHIETI. Da qualche giorno il Chieti è ufficialmente senza allenatore. Silvio Paolucci, dopo avere portato i neroverdi ad un passo dalla Prima Divisione, ha deciso di comune accordo con la società di lasciare la panchina nonostante le parole del presidente Bellia che lo invitavano a restare.

«Ho deciso di andare al Como con le lacrime agli occhi» – ha raccontato Silvio Paolucci il giorno dell'addio al Chieti – «sento di dover fare questa esperienza, mi sento pronto. Lascio un gruppo di persone fantastico e sarà difficile ricreare un gruppo di lavoro così bello. Ringrazio il presidente Bellia che ha fatto di tutto per farmi restare e la mia scelta non è stata assolutamente dettata da ragioni economiche. Sono sicuro che il Chieti ben figurerà anche l'anno prossimo in qualsiasi categoria, che sia Seconda Divisione o Lega-Pro unica».
Bellia dunque, incassato il no di Paolucci, insieme all'entourage di mercato teatino è alla ricerca del nuovo allenatore che sembra avere già un nome: Tiziano De Patre, che nell'ultima stagione ha allenato il Giulianova. De Patre, nel corso di un incontro con la dirigenza del Chieti, ha già mostrato interesse ed entusiasmo per la nuova destinazione. In attesa dell'ufficialità il mercato dei neroverdi resta bloccato.
«Il nuovo allenatore dovrà essere estremamente motivato» – racconta Bellia – «e affamato. Dovrà essere aziendalista e saper lavorare con i giovani. Ad ogni modo abbiamo già pronto il nome e nei prossimi giorni se ne saprà di più».

Dal discorso del nuovo allenatore a quello riguardante il futuro, dopo l'allarme lanciato qualche giorno fa: «siamo già al lavoro per l'iscrizione del Chieti al prossimo campionato di Seconda Divisione. Non faremo richiesta di ripescaggio in Prima perché i costi sono esagerati e perché entro l'anno prossimo verrà varata una Lega-Pro a girone unico».
«In questi anni abbiamo fatto tanto per il Chieti» – prosegue il patron neroverde – «e siamo aperti all'ingresso di nuovi imprenditori in società. Per ambire a traguardi importanti servono forze fresche anche se non abbiamo nessuna difficoltà nel garantire l'iscrizione al prossimo campionato. Aspetto che alle chiacchiere degli ultimi mesi facciano seguito i fatti».
Lo stesso Bellia ha rivolto un ringraziamento speciale a Paolucci, protagonista di un'ottima annata alla guida del Chieti: «auguro a lui le migliori fortune professionali. Capisco la sua scelta e la condivido perché Como è una piazza importante. Lui è andato via semplicemente per una scelta professionale, non c'è stato nessun discorso economico».

Andrea Sacchini