LEGA PRO

Lega-Pro. Teramo vigile sul mercato. Giulianova alle prese con la grana iscrizione

Bucchi e Masini richiesti da tanti club

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1356

Lega-Pro. Teramo vigile sul mercato. Giulianova alle prese con la grana iscrizione
TERAMO. Il mercato del Teramo neopromosso in Seconda Divisione comincia a muovere i primi passi.

L'obiettivo della società guidata dal patron Campitelli è quella di dare in mano al tecnico Cappellacci una rosa competitiva in grado di ben figurare nel calcio professionistico. Il Ds Di Giuseppe da giorni sonda il mercato alla ricerca di nomi validi tra svincolati e non per completare l'organico. Si sono fatti i nomi di Bellucci e Napolano, ma la priorità al momento è quella di rinnovare con i principali protagonisti del ritorno in serie C. Su tutti l'ex primavera del Pescara Vitone ed il bomber Bucchi, autore di 19 centri in campionato, richiesto da numerosi club di categoria. Sarà difficile invece trattenere Gerardo Masini, capocannoniere della scorsa stagione del Teramo. L'attaccante argentino è richiesto da tantissimi club anche di categoria superiore ed ha ricevuto diversi contatti addirittura dalla serie B.
Il mercato ad ogni modo dipenderà soprattutto dalla composizione del prossimo campionato. Si vocifera infatti, causa un gran numero di squadre non in grado di iscriversi al torneo, una sorta di serie C allargata con fusione di Prima e Seconda Divisione. In questo caso i gironi avrebbero sicuramente un peso tecnico maggiore e bisognerà allestire un organico all'altezza per mantenere una categoria con un alto livello di competitività.

GIULIANOVA
 Per il Giulianova da qualche giorno è iniziato il conto alla rovescia per garantire al club l'iscrizione al prossimo campionato di Seconda Divisione. In pochi giorni dovranno essere reperiti circa 300mila euro per garantire le fidejussioni necessarie all'iscrizione al prossimo torneo ed altri soldi per saldare le spettanze della società Julia per il mancato pagamento delle bollette del gas negli ultimi anni. Inoltre entro il 25 giugno bisognerà pagare gli stipendi ai tesserati almeno fino ad aprile. Il termine per l'iscrizione alla prossima seconda divisione invece scade il 30 di questo mese.
Mattucci, a capo di una delle cordate pronte a salvare il Giulianova, ha tranquillizzato in parte i sostenitori giallorossi dichiarando che i soldi per l'iscrizione sono stati trovati e che tutto dipenderà da questo momento in poi dall'attuale patron Dario D'Agostino. Al presidente, da qualche anno alla guida dei giuliesi, è stato chiesto nelle settimane scorse di fare un passo indietro per permettere l'ingresso di nuovi soci. Qualora fallisse il progetto nell'ex serie C2, un'altra cordata è pronta a rilevare la società acquisendo il titolo sportivo in serie D.
Ad aggiungere altri problemi alla già complicata situazione del Giulianova non va dimenticata la questione stadio. Il Fadini, non assolutamente a norma per ospitare partite di Lega-Pro, necessità di importanti opere di ristrutturazione. Nei giorni scorsi il progetto del nuovo Fadini è stato illustrato in Lega, ma servono interventi concreti che vadano al di là delle parole perché il Giulianova, in questo momento, non ha uno stadio dove poter giocare.
Naturalmente mercato e nuovo allenatore in stand-by in attesa di novità societarie importanti.
Andrea Sacchini