LANCIANO IN B

Lega-Pro. Il sogno si è avverato: il Lanciano promosso in serie B

Superato 3-1 in trasferta il Trapani

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

4157

Lega-Pro. Il sogno si è avverato: il Lanciano promosso in serie B
TRAPANI. Il Lanciano espugna tra gli applausi 3-1 Trapani, vince i play-off di Prima Divisione e viene promosso in serie B.

Poco prima delle 18 scatta in città la festa per la promozione dei frentani tra i cadetti per la prima volta nella storia. Nel primo tempo vantaggio dei siciliani al minuto 2 con Gambino e pareggio al 28esimo di Pavoletti. Nella ripresa il Lanciano, che per essere promosso aveva bisogno solo di un successo, entra nella leggenda con le marcature di Sarno e Margarita rispettivamente al 21esimo e 38esimo.
Esplosione di entusiasmo incontenibile in campo, sugli spalti dove erano presenti oltre 500 tifosi abruzzesi e soprattutto nelle strade, al termine di 90 minuti incredibili nei quali il Lanciano è stato ad un passo dal dire addio al grande sogno.
Rossoneri eroici che anche in inferiorità numerica per quasi tutta la partita e sotto di un gol non hanno mai mollato ed alla fine hanno pienamente meritato il successo rimontando all'iniziale svantaggio.
Che fosse un'impresa largamente alla portata del Lanciano di quest'anno lo si era capito già nella gara di andata, dove i frentani avrebbero sicuramente meritato più dell'1-1 finale.
Nella festa infinita del Lanciano vanno anche sottolineati i demeriti del Trapani. L'undici siciliano, sicuramente qualitativamente superiore all'avversario, ha mostrato troppa sicurezza e presunzione soprattutto in occasione del pareggio di Pavoletti. È incredibile infatti, in vantaggio numerico e di punteggio e con la partita in pugno dopo pochi minuti, tenere la linea di difesa altissima alla ricerca continua della trappola del fuorigioco. Il Lanciano da par suo ha approfittato degli errori del Trapani ed ha colpito grazie a ripartenze e contropiedi rapidi e ficcanti.
Avvio di gara da incubo per gli abruzzesi. Al minuto 2 il Trapani è già in vantaggio con Gambino, che dalla distanza beffa Aridità non completamente esente da colpe. Il Lanciano subisce il colpo e diventa nervoso. Al 12esimo l'episodio chiave dell'incontro che avrebbe potuto chiudere il match, ma che in realtà si rivelerà la scossa decisiva per i frentani. A palla lontana stupidaggine di Amenta che colpisce volontariamente Gambino: per l'arbitro giusta espulsione e Lanciano in 10 praticamente per tutta la partita. 

Il Trapani, forte di vantaggio numerico e di punteggio, gioca quasi sicuro della serie B e concede terreno agli abruzzesi. Frentani che pervengono al pareggio al minuto 28 con Pavoletti. Il bomber, lanciato in profondità da un compagno, sul filo del fuorigioco insacca Pozzato e fa 1-1.
Prima del riposo decisivo intervento di Aridità, che si riscatta sull'errore del primo gol e dice di no alla conclusione secca di Barraco.
Nella ripresa stesso canovaccio del primo tempo: tanto possesso palla ma zero verticalizzazioni per le punte nel Trapani e Lanciano gagliardo e battagliero che crede nell'impresa. Al 21esimo gli sforzi e la caparbietà dei frentani vengono premiati. Eurogol di Sarno per il vantaggio dei rossoneri. L'esterno di Gautieri da destra converge, salta un paio di avversari e realizza sul secondo palo. Un gol da applausi che stravolge la partita.
Al 38esimo il Lanciano chiude partita e promozione. Pozzato e un difensore non si intendono, si inserisce Margarita che con un colpo di testa supera entrambi ed a porta sguarnita insacca.
La promozione del Lanciano è merito dell'oculata programmazione societaria della famiglia Maio, di una squadra composta prima da uomini che da giocatori e poi da Carmine Gautieri. Il tecnico dei rossoneri, accolto con scetticismo ad inizio campionato, partita dopo partita ha dimostrato tutto il proprio valore e preparazione tattica, dimostrando di essere davvero il vero artefice di questa cavalcata trionfale.
Il Lanciano dunque entra nella storia e per la prima volta in 92 anni di storia parteciperà alla serie B (Squadra numero 117 a partecipare al campionato cadetto a girone unico, ndr). Un campionato importante che consentirà ai frentani di battagliare con mostri sacri del calcio italiano: Verona, Bari, Lecce, Cesena, Padova, Brescia, Reggina, Sassuolo, Varese, Livorno ed Empoli solo per citare le piazze più rinomate.
Il Lanciano dopo il Pescara ed il Teramo, promosse rispettivamente in serie A e Seconda Divisione, corona per la nostra regione un anno splendido a livello calcistico. Mai infatti l'Abruzzo aveva avuto almeno una squadra nelle prime 2 categorie del calcio. Succederà l'anno prossimo e sarà un motivo di grande orgoglio che dovrà spingere ulteriormente i frentani a difendere questo patrimonio inestimabile. 


TABELLINO
TRAPANI (4-4-2): Pozzato; Daì, Filippi, Priola, Sabatino (32'st Cavallaro); Barraco, Tedesco, Madionia, Caccetta; Abate, Gambino (32'st Matrolilli). A disposizione: Spezia, Colletto, Cianni, Domicolo, Ficarrotta. Allenatore: Boscaglia.
VIRTUS LANCIANO (4-3-3): Aridità; Aquilanti, Massoni, Amenta, Mammarella; D'Aversa (42'st Paghera), Vastola, Volpe; Sarno (25'st Capece), Turchi (28'st Margarita), Pavoletti. A disposizione: Amabile, Rosania, Chiricò, Zeytulaev. Allenatore: Gautieri.
ARBITRO: Abbattista della sezione di Molfetta. Presenti sugli spalti circa 6500 spettatori con 500 da Lanciano.

Andrea Sacchini