PALLAMANO

Pallamano. Lo scudetto a Teramo

Un nuovo successo per Federica Bucceroni

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1336

Pallamano. Lo scudetto a Teramo
TERAMO. Si è concluso per 31 a 29 lo scontro tra la squadra di pallamano di Teramo e quella del Salerno, il 19 maggio scorso. Le atlete teramane si sono aggiudicate lo scudetto tra gli applausi e la gioia dei tifosi.

Ma gran parte della vittoria è legata alla campionessa Federica Bucceroni, la giovane atleta di Guardiagrele che dall’età di 14 anni colleziona un successo dopo l’altro.
La Bucceroni che oggi ha 16 anni ha infatti un curriculum di tutto rispetto alle spalle. Ha esordito a 14 anni nel campionato di A-1 di pallamano,è rappresentante della nazionale under 17 dell’Area dell’Italia Centrale, milita nella fila della LeaderCoop Teramo Handball, dove viene utilizzata nei ruoli di pivot, ala sinistra e centrale dall’allenatore Serafino La Brecciosa; gioca a fianco di Elena Barani, capitano della Nazionale Italiana di pallamano.
Per lei la conquista di uno scudetto ad appena 16 anni, alle prese con atlete che sono alle soglie dei 30, è stato un ulteriore trampolino di lancio nella carriera sportiva e agonistica, già coronata dal titolo di vice campione nella nazionale under 18.
Quest’ultima sfida ha messo però a dura prova le sue capacità. Nel primo incontro di andata dello scudetto la Teramo pallamano è stata sconfitta per 27 a 26 dal Salerno, mentre sabato 12 maggio si è rifatta con un ampio vantaggio, ed ha guadagnato, infine, lo scudetto con la partita in programma il sabato 19 maggio a Teramo, battendo le atlete del Salerno.
Il successo della Teramo pallamano ricade proprio in occasione di altre vittorie nostrane come il quello del Chelsea che, allenato da Roberto Di Matteo (nato a Sciaffusa il 29 maggio 1970 da genitori di Paglieta, Florindo e Gianna, emigrati in Svizzera), ha sconfitto ai rigori il Bayern Monaco nella Champions League 2011-2012; il ritorno in Serie A del Pescara, allenato da Zdenek Zeman; la vittoria nel ciclismo di Matteo Rabottini, nella quindicesima tappa del 95° Giro d’Italia Busto Arsizio - Pian dei Resinelli.