VOLLEY

Campionati beach volley: da Pechino ad Ortona con la medaglia d’argento

La coppia Nicolai-Lupo si qualifica al secondo posto dello Swatch World Tour

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

3124

Campionati beach volley: da Pechino ad Ortona con la medaglia d’argento
PECHINO. Si sono aggiudicati il secondo posto sul podio ed hanno sfiorato la vittoria. Il duo Paolo Nicolai (di Ortona) e Daniele Lupo (di Roma) hanno vinto la medaglia d’argento nella tappa di Pechino dello Swatch World Tour di beach-volley avvicinandosi di molto alla qualificazione per i giochi Olimpici di Londra 2012.

E’ stata una sfida “all’ultimo sangue” e densa di sorprese. Nei quarti di finale i ragazzi italiani hanno scalzato i campioni del mondo Rogers-Dalhauser e nelle semifinali, gli olimpionici Alison-Emanuel. La finalissima, che ha visto gli azzurri svantaggiati da l’infortunio di Paolo Nicolai, è stata vinta dagli olandesi Nummendorf-Schuil.
La prossima tappa della sfida si terrà a Praga dal 22 al 24 maggio, poi a Mosca ed infine a metà giugno, al Foro Italico di Roma. E' la prima volta nella storia di questo sport che una coppia italiana vince una medaglia d'argento nella massima competizione mondiale a tappe
Nicolai nato a Ortona, è salito sul podio dei campionati mondiali di beach volley a soli 19 anni conquistandosi il titolo, insieme al suo compagno di squadra Francesco Giontella, di campione del mondo di beach volley under 21.
Risale al 2007 la sua prima vittoria ai campionati mondiali che si sono tenuti a Modena, finale vinta contro la coppia spagnola Gavira-Fernández. Solo un anno dopo, 2008, si è riconfermato campione sempre in coppia con Giontella, a Brighton, dove è stato premiato come miglior muro della manifestazione.
Nel gennaio 2009, al termine della sua avventura con Giontella per Nicolai è iniziata una nuova stagione. E’ stato affiancato prima a Matteo Varnier, esperto beacher già in coppia con Riccardo Lione conquistando altri traguardi: un quinto posto nell’Open del maggio scorso giocato in casa ed un altro quinto piazzamento nel “German Master” di Berlino (European Championship Tour Cev).