CALCIO E AFFARI

Calcioscommesse. L'avvocato del Pescara:«mancano presupposti su combine»

Il Delfino però rischia 2-3 punti di penalizzazione

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

2621

Calcioscommesse. L'avvocato del Pescara:«mancano presupposti su combine»
PESCARA. Il Pescara ieri è stato deferito dalla Procura della Repubblica insieme ad altre 21 società professionistiche e decine di tesserati e dirigenti.

I biancazzurri rischiamo punti di penalizzazione o pena pecuniaria per “responsabilità oggettiva” qualora venisse dimostrato dai fatti e dalle prove il coinvolgimento diretto di Nicco, tesserato per il Delfino, per la presunta combine non riuscita tra Piacenza e Pescara terminata 2-0 per gli adriatici che, per bocca del “pentito” Gervasoni, sarebbe dovuta terminare con una vittoria dei padroni di casa.
Ieri riunione importante nella sede della Delfino Pescara, con il patron Daniele Sebastiani e l'avvocato difensore Flavia Tortorella che hanno fatto un po' chiarezza sulla situazione.
In particolare Flavia Tortorella ha invitato i sostenitori biancazzurri alla calma ed alla fiducia: «si può parlare di combine di una partita quando ci sono atti o fatti che alterano il corso del normale svolgimento della partita. Nel caso del Pescara mancano i presupposti, addirittura Nicco non ha neanche giocato la partita».
«L'impianto accusatorio si fonda sulle dichiarazioni di Gervasoni», va avanti l'avvocato Tortorella, «che come sapete dice di aver contattato Nicco il quale avrebbe negato la possibilità di combinare l'incontro Piacenza-Pescara in favore dei padroni di casa. Questo perché usando il condizionale non sarebbe riuscito a convincere i propri compagni di squadra...».
La parole di Gervasoni però hanno un valore importante nell'intera inchiesta...
«E' chiaro che se Gervasoni non è possibile metterlo in discussione. Non crederlo per un singolo episodio significherebbe togliere credibilità a tutto il sistema accusatorio».
Ma il Pescara cosa rischia in concreto qualora venisse comprovata la responsabilità oggettiva del club?
«Rischia dai 2 ai 3 punti di penalizzazione da scontare in questo campionato o nel prossimo. Io sono fiduciosa e puntiamo all'assoluzione completa».
«In ogni caso i punti» – conclude Tortorella – «con ogni probabilità verrebbero comminati la prossima stagione mancando con ogni probabilità i tempi tecnici per questa considerando appelli vari e gradi di giudizio».

SABATO ALLE 18 PESCARA-TORINO ALLO STADIO ADRIATICO
Tornando al calcio giocato, in vista del Torino buone notizie giungono dall'infermeria, con Insigne ed Immobile che dovrebbero far parte nuovamente dell'undici titolare. Recuperato anche Verratti, che riprenderà il proprio posto in cabina di regia dopo aver scontato un turno di squalifica a Grosseto. L'unico “problema” di formazione per mister Zeman riguarda il portiere, con Anania che è stato squalificato in vista di Torino dopo la sciocca ammonizione, non per colpa del numero 22 biancazzurro ma per l'abbaglio di Gallione di Alessandria, presa sotto diffida.
In luogo di Anania il ballottaggio è aperto tra Ragni e Cattenari, con il primo favorito reduce però da diversi giorni di infortunio. Alla fine il tecnico boemo dovrebbe optare per l'ex portiere dell'Andria, prelevato proprio a gennaio dal club pugliese.
Andrea Sacchini