CALCIO

Serie B. Altra goleada del Pescara: distrutto 6-0 anche il Vicenza

Biancazzurri sempre secondi... E ciro immobile è a quota 27 reti

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

13482

Foto: Fabio Urbini

Foto: Fabio Urbini

PESCARA. Come un fiume in piena il Pescara travolge 6-0 il Vicenza all'Adriatico e resta al secondo posto in classifica dietro il Torino e davanti alla coppia formata da Sassuolo e Verona.

Nel primo tempo doppietta di Insigne al quarto d'ora ed al 33esimo. Nella ripresa al 15esimo autogol di Pisano, 18esimo Sansovini, 22esimo Immobile e Nielsen al 36esimo a chiudere definitivamente i conti.
Troppo forte il Pescara di Zeman per il Vicenza di Cagni che con volontà, anche se con tanti errori, non ha potuto opporre alcune resistenza al cospetto della squadra sicuramente più in forma di tutto il campionato. Dopo Padova e Gubbio, l'ennesimo tornado biancazzurro di gol ed emozioni si è abbattuto sul Vicenza, mai in partita ed incapace di porre freno e rimedio alle continue scorribande degli adriatici. Tantissime occasioni da gol create per il Pescara, questa volta oltre che spettacolare anche più cinico e determinato sotto porta rispetto il match di pochi giorni fa col Gubbio.
La macchina perfetta creata da Zeman, con interpreti giocatori dal valore tecnico notevole alcuni dei quali già pronti per il grande salto in serie A, sembra non trovare ostacoli in un campionato dai valori tecnici modesti con le grandi squadre incapaci di regalare gol a grappoli e soprattutto emozioni e bel gioco.
Il Pescara, questo è certo, lotterà fino all'ultima giornata per la promozione diretta in serie A. Un sogno, più che un obiettivo, che ora più che mai sembra alla portata degli uomini di Zeman, attesi ora dalle ultime decisive 4 giornate.
Biancazzurri in vantaggio al quarto d'ora con Insigne. Verratti illumina il pomeriggio dell'Adriatico con un assist pregevole per lo scatto di Insigne che a tu per tu con Pinsoglio non sbaglia. Al 33esimo, dopo uno straordinario gol annullato ad Insigne in rovesciata per sospetto fuorigioco, ancora il folletto napoletano in rete. Da posizione decentrata tiro-cross beffardo che inganna il numero 1 vicentino.
Il Pescara gioca a memoria, si diverte e soprattutto continua ad attaccare a pieno organico. Nella ripresa il terzo gol dei padroni di casa. Palla lunga per Immobile che all'altezza della linea di fondo rimette in mezzo di testa trovando la sfortunata deviazione in porta di Pisano.
Al 18esimo Sansovini, da poco entrato, in perfetta azione di ripartenza in velocità supera Pinsoglia ed insacca. Non è finita perché al minuto 21 arriva anche la gioia personale di Immobile, che sempre in contropiede con uno splendido pallonetto supera Pinsoglio.
La sesta marcatura è opera di Nielsen, che nel cuore dell'area di rigore realizza senza difficoltà.
Il Pescara è uno spettacolo ed al triplice fischio è grande festa in campo e sugli spalti. Prossimo turno in casa del Grosseto.
Al termine della vittoriosa gara con il Vicenza il tecnico biancazzurro Zdenek Zeman ha parlato del futuro di qualche suo giocatore che in prospettiva potrebbe entrare nel giro della nazionale maggiore di Cesare Prandelli.
«In questo momento - ha dichiarato l'allenatore del Pescara - credo sia un po' prematuro che giocatori del torneo di B possano entrare a far parte della Nazionale A, ma in prospettiva forse qualche giocatore del Pescara potrebbe entrare nel giro azzurro. E' chiaro però che dovrebbe continuare a ripetersi a questi livelli».
 Pur non facendo nomi l'allenatore del Pescara si riferiva ovviamente ai gioielli della sua squadra, ovvero Lorenzo Insigne, Marco Verratti e al capocannoniere del campionato di Serie B Ciro Immobile che con la doppietta odierna ha raggiunto quota 27 reti
TABELLINO
PESCARA (4-3-3): Anania; Balzano (19'st Zanon), Capuano, Romagnoli, Bocchetti; Nielsen, Verratti, Cascione; Caprari (8'st Sansovini), Insigne, Immobile (23'st Maniero). A disposizione: Cattenari, Brosco, Kone, Gessa. Allenatore: Zeman.
VICENZA (4-4-1-1): Pinsoglio; Soligo, Brighenti, Giani, Pisano; Mustacchio, Rigoni (19'st Bianco), Botta, Gavazzi (8'st Capitanio); Pinardi (15'st Maiorino); Baclet. A disposizione: Acerbis, Bariti, Paolucci, Abbruscato. Allenatore: Cagni.
ARBITRO: Baracani della sezione di Firenze.
Andrea Sacchini