CALCIO

Serie B. All'Adriatico Pescara-Bari termina 1-2

Grande commozione nel ricordo di Francesco Mancini

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

2043

Ciro Immobile

Immobile (Foto:Fabio Urbini)

PESCARA. Nel giorno del dolore e del ricordo per la tragica scomparsa ieri sera di Francesco Mancini, il Pescara perde 2-1 all'Adriatico contro il Bari e getta alle ortiche un'ottima occasione per rilanciarsi in classifica.

Nel primo tempo vantaggio all'ottavo di Immobile e pareggio dei biancorossi al 20esimo con Scavone. Nella ripresa al 13esimo il gol decisivo di Bellomo.
La partita ha vissuto nel ricordo dell'ex preparatore dei portieri del Pescara, stroncato da un infarto all'età di 43 anni. Diversi soprattutto nel pre partita i momenti carichi di emozione e tristezza nel ricordo di un grande professionista, uomo umile e speciale che in pochi mesi aveva stabilito un legame profondo con giocatori, tecnici e la città. Significativo l'abbraccio di tutta la squadra in panchina al gol del momentaneo 1-0 di Immobile. Un'immagine che fa da sintesi perfetta a quanto la squadra tutta, tecnico e collaboratori erano legati a Francesco Mancini.
Per quanto riguarda il calcio giocato, verdetto del campo tutt'altro che giusto per i valori tecnici espressi in campo, con il Pescara che almeno per occasioni da gol create avrebbe meritato almeno il pareggio.
Gara discreta dei biancazzurri, che però hanno peccato di determinazione e cattiveria sotto porta con tantissime chance dilapidate soprattutto da Sansovini ed Insigne.
Partita decisa dagli episodi, con alcuni interventi dubbi nell'area barese ed un rigore reclamato dagli ospiti nel primo tempo, tutti sostanzialmente sfavorevoli agli abruzzesi, puniti in pratica sulle uniche 2 disattenzioni difensive della gara.
Gara tatticamente valida invece quella del Bari, all'ottavo successo esterno, che ha capitalizzato al massimo gli errori degli adriatici e che ha colpito in contropiede, mettendo in evidenza i limiti del Pescara nelle ripartenze veloci degli avversari.
Pronti via e subito i biancazzurri spingono sull'acceleratore. Al sesto la prima grande chance per i padroni di casa. Verratti trova il corridoio giusto per l'inserimento di Insigne che davanti a Lamanna esalta i riflessi del portiere del Bari. Passano solo 2 minuti ed il Pescara passa in vantaggio: pregevole assist di Insigne per Immobile che a tu per tu con l'estremo difensore barese non sbaglia.
Al 20esimo il pareggio un po' inaspettato del Bari. Disattenzione della difesa pescarese, conclusione ravvicinata di Defendi e miracolo di Anania. Sulla respinta del portiere però Scavone è il più lesto di tutti ed insacca da 2 passi.
Alla mezz'ora ci prova Balzano con palla alle stelle. Al 40esimo Immobile da posizione decentrata spara in porta ma è decisivo il ripiegamento difensivo di un giocatore barese.
A tempo quasi scaduto l'occasione più ghiotta del primo tempo capita sui piedi di Sansovini, che a porta praticamente sguarnita sparacchia sulla traversa un bel pallone di Insigne.
Nella ripresa al minuto 2 bella conclusione dai 30 metri di Brosco che termina di poco alta. Al settimo Insigne, liberato ancora una volta da un immenso Verratti, di testa trova ancora Lamanna pronto alla respinta.
Al 13esimo il Bari va in vantaggio. Su azione di contropiede Bellomo, da oltre 35 metri, vede Anania fuori dai pali e realizza il gol della domenica.
Il Pescara subisce il colpo e rischia addirittura di subire il terzo gol. Al 24esimo ci vuole tutta la bravura di Anania per alzare in corner un tiro a botta sicura da posizione decentrata di Defendi. Alla mezz'ora colpo di testa a botta sicura di Immobile ma Cavanda appostato sulla linea salva.
Al 33esimo Lamanna in difficoltà su un cross per poco non favorisce l'intervento di Caprari.
Al 43esimo clamorosa palla gol per il pareggio. Insigne da pochi metri trova la respinta miracolosa di Lamanna.
Con questa sconfitta il Pescara resta a quota 62 in classifica, a meno 1 dalla coppia Sassuolo-Verona. 4 invece le lunghezze dalla capolista Torino, che ha perso 1-0 ad Empoli.
Giovedì alle 20,45 impegno delicato sul campo del Varese.

TABELLINO
PESCARA (4-3-3): Anania; Zanon, Romagnoli, Capuano, Balzano (16'st Bocchetti); Kone, Verratti, Nielsen (27'st Soddimo); Insigne, Immobile, Sansovini (16'st Caprari). A disposizione: Ragni, Romagnoli, Togni, Maniero. Allenatore: Zeman.
BARI (4-3-3): Lamanna; Cavanda, Dos Santos, Borghese, Garofalo (1'st Polenta); Bogliacino, Scavone, De Falco; Defendi, Stoian (19'st Albadoro), Bellomo (27'st Kutuzov). A disposizione: Koprivec, Galano, Rivaldo, Simon. Allenatore: Torrente.
ARBITRO: Ostinelli della sezione di Como. Prima della partita osservato un minuto di raccoglimento per la scomparsa di Francesco Mancini.
Andrea Sacchini